Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ecco come possiamo riaprire già il 18 maggio", tutorial del Comune per parrucchieri ed estetisti

In un video i passaggi di sicurezza

 

Il futuro di parrucchieri ed estetisti è un tema che è sul tavolo della discussione da settimane. Per loro la riapertura sembra ancora più complessa che per le altre tipologie di attività commerciali. È per questo che, insieme al Comune di Nichelino, hanno studiato un protocollo di sicurezza che potrebbe essere d'ispirazione per l'intero Paese. 

"Abbiamo incontrato una delegazione di lavoratori e insieme all'assessorato al commercio della Città di Nichelino, prendendo spunto da quanto prodotto da alcune regioni italiane, abbiamo prodotto un protocollo di sicurezza, che a nostro avviso consentirebbe la riapertura anticipata dei saloni al 18 maggio, omettendo alcuni servizi quale la rasatura per gli uomini", scrive sul proprio profilo facebook il sindaco di Nichelino, Giampiero Tolardo.

All'ingresso al cliente verrà fornito un igienizzante per pulirsi le mani, dei guanti monouso e gli verrà misurata la temperatura corporea. Il parrucchiere dovrà indossare visiera, guanti e mascherina, mentre al cliente verrà fornito un pacchetto che al suo interno avrà un kimono monouso, guanti, mantellina e un asciugamano. Il cliente inoltre sarà invitato a firmare un'autocertificazione che il parrucchiere terrà nella propria documentazione. 

Prima di effettuare qualsiasi operazione i parrucchieri si impegnano a sterilizzare la postazione in uso. Forbici, pettini e strumenti del mestiere saranno che verranno utilizzati saranno impacchettati e sterilizzati. Il protocollo inoltre consiglia di effettuare il pagamento attraverso bancomat o carta di credito. In ogni caso utilizzando forme di transazione che non prevedano lo scambio di contanti.

"Invieremo il tutto al Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio affinchè possa prendere in considerazione la possibilità di emanare ordinanze specifiche, pur tenendo conto delle aree omogenee di contagio sul territorio regionale. Lo stesso discorso, con l'omissione della pulizia del viso, vale per gli estetisti che già prevedono protocolli ferrei assimilabili a quelli previsti per le attività sanitarie", conclude il sindaco di Nichelino.

Il video che è stato pubblicato sulla pagina facebook del Comune di Nichelino è stato prodotto da Donato Migliori.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento