Da "Ultimo tango a Parigi" ai film porno di Sylvester Stallone, i manifesti erotici in mostra

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Si chiama Massimo Russo, è un collezionista d'arte e da qualche anno ha deciso di dedicarsi a una collezione del tutto particolare: manifesti erotici e pornografici di film realizzati tra gli anni '60 e gli anni '80. Si va dalla nascita dell'erotismo fino alla pornografia mainstream. I suoi manifesti saranno in mostra fino al 20 gennaio allo Spacenomore di via Bogine 9 a Torino. 

"Fino agli anni '70 i manifesti erano illustrati e gli italiani sono tra i migliori al mondo. Sono molto ammiccanti e sono molto provocatori. Oggi però a rivederli sono abbastanza innocenti. Quindici anni fa le prime locandine che ho visto. Subito non le ho acquistate per paura di passare per pervertito congli amici" - ci racconta Massimo Russo

"Raccontano un fenomeno di costume che non si può ignorare. La pornografia coinvolge l'80% degli uomini e il 20% delle donne, perché nasconderlo. È il caso di parlarne" - conclude Massimo Russo

Potrebbe Interessarti

  • Bomba di grandine sulla città: strade allagate e rami caduti in centro

  • Automobilisti bloccati dai ciclisti che urlano: “Non arrabbiatevi, aprite gli occhi”

  • Pioggia e grandine su mezza provincia, serata di allagamenti e disagi

  • Vive su una panchina davanti al carcere, la protesta della ragazza che vuole tornare dietro le sbarre

Torna su
TorinoToday è in caricamento