Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Coronavirus accelera la realizzazione della Metro 2: "Opera fondamentale per la ripartenza di Torino"

Per il Governo è una infrastruttura strategica

 

Torino per superare la crisi economica che si porterà dietro l'emergenza sanitaria legata al coronavirus potrà ripartire dalla seconda linea della Metropolitana. È questo il progetto che ha in mente il Comune di Torino e per il quale sta lavorando insieme al Governo. Questa mattina, martedì 24 marzo, la sindaca ne ha discusso in videoconferenza con il ministro dei Trasporti, Paola De Micheli. 

"Purtroppo siamo in una situazione di emergenza sanitaria ed economica e il Governo sta lavorando a una serie di provvedimenti che vedono le infrastrutture come elemento portante per rilanciare il Paese", ha detto la sindaca Chiara Appendino, "La priorità per quanto riguarda la Metro 2 diventa ancora più urgente". 

Il Comune dunque lavorerà insieme al Governo per individuare una procedura amministrativa che possa accelerare la realizzazione dell'opera, ma si cercherà anche di trovare il modo per aumentare le risorse da investire. Con il Governo e Cassa Depositi e Prestiti, la Città sta studiando una nuova modalità di project financing, in deroga alle percentuali di compartecipazione fra pubblico e privato del 51% e 49%. In sostanza si cerca di capire se è possibile aumentare la quota di partecipazione privata. 

L'obiettivo è arrivare fino al Politecnico: "Renderebbe più competitivo il tratto privato, quindi arrivando fino al Politecnico questo potrebbe rendere più basso il canone. È uno scenario nuovo con una forchetta diversa, sostenibile per l'ente e che permetterebbe di avere più risorse e una velocizzazione dell'infrastruttura", ha continuato la sindaca. 

A partire da oggi parte dunque una task force insieme al ministero che tra venti giorni permetterà alla Metro 2 di diventare un'opera strategica per il Paese. Intoccabili però due punti fondamentali, ovvero gli 828 milioni di euro già messi a disposizione dal Governo per la realizzazione dell'opera e il punto di partenza dell'opera che sarà Torino Nord. "Sarà un'opera prioritaria perché stiamo pensando al futuro della città e Metro 2 è un tassello fondamentale per la ripartenza di Torino". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento