Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Un posto di lavoro per 13 autistici adulti: "Restituiamo dignità alla loro vita"

 

Anche le persone autistiche adulte possono essere una risorsa per le aziende del territorio. È questo il principio dal quale sono partiti ANGSA Torino Onlus - Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici - e Andirivieni, società cooperativa sociale di Rivarolo, per realizzare il progetto Atlantide 2. 

Tredici persone autistiche adulte avranno la possibilità di effettuare un'esperienza di lavoro all'inernto di un'azienda del Canavese. “Le persone autistiche in età adulta hanno subìto a lungo le conseguenze della carenza di strumenti clinici e terapeutici appropriati per la loro abilitazione”, spiega Arianna Porzi, presidente ANGSA Torino Onlus (gruppo Ivrea - Canavese). “Atlantide 2 nasce proprio per rispondere a questa specifica domanda di salute del nostro territorio, tenendo ben presente che il lavoro - inteso come condizione che dà e restituisce dignità all’individuo, qualunque sia la sua condizione sociale e di salute - può avere un ruolo centrale nell’autodeterminazione di ciascuna persona autistica e nella realizzazione del proprio progetto di vita, favorendone lo stato di benessere”. 

“Una persona autistica può rappresentare, in modo concreto, una risorsa preziosa per alcune realtà aziendali – spiega Domenico Galati, vicepresidente e referente Area adulti disabili della cooperativa Andirivieni –. L’attenzione per i dettagli, la cura dell’ordine, il rispetto dell’etica umana e professionale, la vocazione allo svolgimento di compiti di routine, la tolleranza zero per gli errori e la determinazione a portare a termine il lavoro: sono aspetti che, spesso, caratterizzano le persone autistiche. Ma, allo stesso tempo, sono qualità delle quali le aziende hanno bisogno”.

“Noi imprenditori – aggiunge Patrizia Paglia, presidente di Confindustria Canavese - dobbiamo fare la nostra parte aprendo senza alcun timore le nostre realtà ai giovani autistici, aiutandoli a individuare le proprie abilità e, con l’opportuno sostegno, trasformare le potenzialità del singolo in preziose risorse per l’azienda e in importanti strumenti di crescita e di affermazione dell’individuo attraverso il lavoro svolto”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento