Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La protesta delle bugie, dolci distribuiti dai lavoratori Gtt: "Le chiacchiere dell'Appendino"

 

Si sono presentati in piazza Palazzo di Città muniti di striscioni, megafono e di una scatola stracolma di bugie - i dolci tipici di carnevale - che hanno sonoramente offerto alla sindaca di Torino, Chiara Appendino, e all'assessora ai Trasporti del Comune di Torino, Maria Lapietra. 

Le due, insieme a tutto il Movimento 5 Stelle, sono finite nel mirino dei dipendenti della Direzione Parcheggi GTT perché non avrebbero mantenuto le promesse fatte negli ultimi anni. In testa le promesse fatte durante la campagna elettorale del 2016. Questi lavoratori chiedono infatti che a loro venga applicato il contratto degli autoferrotranvieri, come previsto nel programma elettorale con il quale il Movimento 5 Stelle si presentò alle comunali del 2016. 

E poi ci sarebbe una questione ancora più vecchia. Nel 2012 venne siglato un accordo tra sindacati e proprietà che prevedeva un aumento del carico di lavoro per i dipendenti della Direzione Parcheggi GTT a fronte di un aumento salario e di uno scatto professionale. Accordo che venne rivisto da questa Giunta nel 2016 e che non è mai stato rispettato. 

Per questi motivi oggi i lavoratori della Direzione Parcheggi GTT hanno scioperato per l'intera giornata e hanno presidiato il Comune di Torino offrendo le bugie alla sindaca e all'assessora. In piazza sono scesi alcuni esponenti dell'opposizione: Fabrizio Ricca, capogruppo della Lega in Comune e Mimmo Carretta e Stefano Lo Russo del Partito Democratico. Quest'ultimo ha ironizzato dicendo: "Abbiamo chiaro cosa hanno promesso e cosa non hanno mantenuto. L'idea delle bugie è azzeccata. Dovreste socializzarla a molte altre parti di questa Città".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento