Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Intesa Sanpaolo scommette su Torino, entro il 2021 ci saranno 250 assunzioni

"Capitale italiana della cultura assicurativa"

 

Entro il 2021 Intesa Sanpaolo incrementerà il suo organico su Torino fino a un massimo di 500 persone impiegate contro le attuali 250. Il capoluogo piemontese diventerà la capitale della cultura assicurativa in Italia e per fare questo ci vorranno risorse umane e competenze. Competenze che verranno create anche grazie a un master di II livello in campo assicurativo che Intesa Sanpaolo realizzerà con Compagnia di Sanpaolo, Reale Mutua, Collegio Carlo Alberto, Unito e Politecnico

Annunci che sono stati fatti questa mattina, giovedì 19 settembre 2019, a Torino da Nicola Fioravanti, responsabile della Divisione Insurance del Gruppo, durante un evento - denominato "Obiettivo Protezione" - che fa parte della due giorni organizzata da Intesa per lanciare la propria sfida al mercato assicurativo. "Abbiamo dato indicazione nel nostro piano di impresa che alla fine del 2021 avremo circa 500 persone tra interne ed esterne su Torino. Oggi ne abbiamo circa la metà. Abbiamo un programma di sviluppo e man mano che cresceremo avremo la possibilità di portare all'interno persone, o di incrementare i supporti esterni, ma sempre su Torino", ha detto Fioravanti. 

Torino dunque può sperare di puntare per la sua crescita su un nuovo ramo di mercato, anche grazie alle risorse che metterà a disposizione a Intesa Sanpaolo: "Attraverso l'uso dell'intelligenza artificiale e delle nuove tecnologie sarà più facile offrire protezioni efficaci, facili da ottenere e capaci di coprire i rischi dei cittadini - racconta Gian Maria Gros-Pietro, presidente di Intesa Sanpaolo -. Per fare questo ci vorranno competenze umane e per questo noi abbiamo scelto Torino perché a Torino ci sono le formazioni, le tradizioni e le esigenze che possono permetterci di coprire questi ruoli".  

Una scommessa dunque sulla città: "Torino è un centro ideale per investire sul fronte dell'assicurazione - commenta Carlo Messina, il CEO del gruppo -. Per noi l'assicurazione è una delle aree di business più importanti del gruppo ed è un completamento dei servizi che noi facciamo per i clienti per la gestione non solo del loro patrimonio, ma anche delle esigenze di carattere personale per la casa, per la salute e riteniamo che questo luogo sia il miglior punto su cui investire. Noi potenzieremo il comparto assicurativo con centinaia di persone che verranno assunte e il nostro obiettivo è quello di diventare leader in Italia. Lo siamo già nel campo del vita, vogliamo diventarlo anche nel campo dei danni". 

Orgoglio da parte della sindaca Chiara Appendino: "È un motivo di orgoglio perché significa almeno 250 posti di lavoro nuovi sul territorio e significa un posizionamento a livello nazionale sul mondo assicurativo. È chiaro che qui ci sono due sfide, quella di un territorio che vuole ripartire e rinnovare la sua vocazione dal punto di vista assicurativo e quella che riguarda invece di approcciarsi al tema dell'innovazione perché l'innovazione che sta cambiando il nostro modo di vivere cambia anche i sistemi che in qualche modo hanno un impatto. Immaginate come il mondo assicurativo dovrà approcciare il tema della guida autonoma, ma questo vale per tanti servizi che cambieranno"

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento