Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Scoperta-choc: gli alimenti destinati ai ristoranti erano infestati dai parassiti, imprenditore denunciato

 

Vero è che "se l'occhio non vede il cuore non duole", ma altrettanto vero è che "se l'alimento è scaduto e conservato male la pancia duole eccome". Capita dunque che, a inizio febbraio 2019, i carabinieri della stazione Verolengo, in collaborazione con i colleghi del nucleo antisofisticazione e sanità (Nas), coordinati dalla procura di Ivrea, hanno dovuto denunciare un imprenditore, titolare di un magazzino sul territorio della cittadina, perché conservava gli alimenti che rivendeva al dettaglio in modo a dir poco discutibile. Il reato che gli viene contestato è di commercio di alimenti in cattivo stato di conservazione. 

Lo spettacolo che i militari si sono ritrovati davanti quando hanno ispezionato il capannone è stato desolante. Cibo e bevande erano custoditi senza il rispetto di alcuna norma igienico sanitaria, erano esposti alle intemperie, insudiciati e con all'interno parassiti. In totale sono stati trovati 200 pallet di vino e 20 pedane di prodotti alimentari da forno e gastronomia conservati in malo modo. 

Gli alimenti, in alcuni casi anche scaduti (anche da due anni e mezzo), erano destinati alla vendita al dettaglio a gastronomie, ristoranti e negozi. Prodotti che avrebbero potuto causare danni alla salute dei cittadini. La merce inoltre è risultata priva di documentazione comprovante la provenienza.

Potrebbe Interessarti

  • Cuoco uccide il giardiniere a coltellate: gli istanti dopo l'omicidio

  • Risse, strattoni e urla in mezzo alla strada: i tossici mettono in subbuglio il lungo fiume

  • La ladra che non ti aspetti al varco dell'aeroporto: imprenditrice ruba orologio e braccialetto

  • 1,5 kg di cocaina e 83mila euro in contanti nell'abitazione: due arrestati

Torna su
TorinoToday è in caricamento