Guerriglia urbana e scontri, caos e disagi in città per oltre 3 ore: il video

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Pietre e petardi contro le forze dell'ordine, auto danneggiate, muri imbrattati, cassonetti incendiati, bombe carta esplose e spaccata anche la vetrata della Smat, l'azienda dell'acqua potabile. Una parte della città è stata praticamente isolata dopo le 18 di sabato 9 febbraio

La manifestazione, con corteo, contro lo sgombero dell’Asilo di via Alessandria dopo qualche ora si è completamente trasformata per fare spazio alla guerriglia urbana. La tensione si è alzata sul ponte di corso Regio Parco dove i manifestanti hanno lanciato pietre e grossi petardi e incendiato alcuni cassonetti.

Le forze dell’ordine hanno risposto con lancio di lacrimogeni e getto di idranti. Poi i manifestanti hanno rotto la vetrata della sede della Smat e con i cassonetti rovesciati hanno creato sbarramenti in alcune strade cittadine.

La sindaca Chiara Appendino sulla situazione:

Quanto sta accadendo in queste ore non può essere confuso in alcun modo con l’esercizio della democrazia: gli episodi di violenza perpetrati da alcuni manifestanti oggi a Torino sono di una gravità inaudita. Piena solidarietà alle persone e alle forze di Polizia rimaste coinvolte

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • ma non possono farci nulla, sono tutti figli di tizio e/o di caio che hanno ruoli importanti ambito politico. pertanto intoccabili.

  • le forze dell'ordine li mettono in galera mentre i giudici e magistrati li assolvono, penso che sia ora di far piazza pulita di questi quattro delinquenti e anche di questi giudici e magistrati e forse potremmo vivere con un po' di tranquillità.

  • in galera sti drogati!

  • il guaio è con si riesce a mandarli in galera con questa giustizia del c....o che abbiamo...

  • @gianluca parole sante caro

  • Sono persone mentalmente disagiate, che esprimono le loro "idee" nell'immaginario collettivo di perpetrare ciò che gli appartiene, la città in cui vivono, scroccando abusivamente luce gas e interi stabili. Le immagini riportate dall'interno dello stabile "asilo" occupato da 24 anni, rappresentano il loro stato sociale putrefatto e marcio. Sono dei parassiti che si nutrono delle loro stesse carcasse, la feccia della nostra amata Italia, pervertiti e drogati che non hanno rispetto di se stessi, figuriamoci del prossimo. Cercano di moralizzare le loro azioni che esprimono solo pura immoralità. Vergogna!

  • prima di farle fare la galera che meritano devono ripulire e risarcire i danni che hanno causato ... massa di pararassiti figli di Papà!!...

  • Adesso si rimpalla la responsabilità di quanto combinato da questi delinquenti da un partito all'altro. Nessuno, in tanti anni, si è mai sognato di fiatare contro questi delinquenti, che, nell'estrema sinistra hanno trovato per anni chi li foraggiava mentre spaccavano e imbrattavano tutte le vetrine del centro. Ultimamente sono stati i pentastellati ad andare a chiedere i loro voti. Ma il vaso è traboccato e adesso nessuno ne sa nulla.Figli di papà che non hanno mai lavorato in vita loro che fingono una povertà che non hanno mai conosciuto. Espropriate tutti i loro paparini di tutto, per tutti i danni di ieri e del passato e sbatteteli dentro a vita Almeno conosceranno finalmente il vero significato della parola povertà, cosa che non hanno mai avuto il piacere di conoscere.

  • Mandarli a costruire le strade.@come devono fare anche con te stufo, da parte di quelle donne che manderesti ad essere picchiate al loro paese.

  • Di uccidere no ma fargli tanto male da ricordarselo per un bel po

  • Andate a lavorare, massa di amebe mantenuti dal papà

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Impressionate incendio, fiamme negli ultimi quattro piani del palazzo

  • Video

    Arrivano i tornelli sui bus GTT: come funzionano e su quali linee saranno attivi

  • Cronaca

    Ladro acrobata munito di corda e scala: filmato mentre ruba una bici su un balcone

  • Video

    Dopo la guerriglia, il questore: "Se fossero andati verso l'asilo avremmo dovuto combattere come a Fort Alamo"

Torna su
TorinoToday è in caricamento