Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, perché in Piemonte i casi non diminuiscono? La risposta del virologo

"La speranza è un vaccino"

 

Per quale motivo i casi di contagio da coronavirus in Piemonte non hanno una vistosa flessione e perché i morti continuano ad aumentare? È la domanda che in molti si stanno ponendo in questi ultimi giorni. Che qualcosa non sia funzionato nella gestione dell'emergenza? A rispondere è Giovanni Di Perri, virologo e responsabile Malattie infettive dell'Amedeo di Savoia di Torino.

In primo luogo si devono guardare i tempi dell'epidemia: "Il Piemonte ha visto l'inizio dell'espansione dei numeri dei contagi successivamente alla Lombardia, io ritengo che siamo una settimana in ritardo rispetto a Milano", commenta Di Perri che poi spiega che la decrescita della curva dovrebbe cominciare a vedersi tra qualche giorno. 

"La situazione è pesante in funzione della mortalità attribuile all'infezione da coronavirus", continua Di Perri e ha ragione perché nella sola settimana scorsa in Piemonte sono stati registrati 500 decessi portando il numero complessivo a 1.284 vittime del coronavirus. "Sul piano assistenziale gli sforzi fatti dalla Regione soprattutto per aumentare i posti di area critica - leggasi terapia intensiva - sono stati eccellenti e hanno permesso di compensare la situazione".

Numero di decessi che è ovviamente anche legate all'età anagrafica popolazione piemontese: "Abbiamo molte persone al di sopra dei 50anni e con una vita sociale relativamente alta. All'inizio dell'epidemia c'è stata una certa diffusione. C'è poi il problema delle case di riposo; questo concentrato di vulnerabilità necessita di azioni verticali", dice Di Perri che poi si sofferma sulle vittime tra il personale sanitario: "Io credo che un mese di epidemia con più di 90 morti tra i medici e 40 tra gli infermieri sia un tributo eccessivo". 

Ma si può ipotizzare un periodo entro cui finirà l'emergenza? "Se lei guarda la Cina dove c'è stato l'epicentro dell'epidemia e dove hanno messo in campo regole restrittive, militarmente sostenuti, lì faticano ancora oggi a liberarsi dell'infezione. Ho l'impressione che questa epidemia come tale resterà con noi per un po' e credo che la speranza è che i vaccini possano diventare fruibili nel prossimo autunno. Alla fine per il tipo di gravità che questa infezione genera al genere umano ci basterebbe anche un modesto vaccino". Il 5% delle forme cliniche sono gravi infatti e possono portare alla morte, ma la maggior parte dei cittadini sviluppe forme anche asintomatiche. 

Un'epidemia che verrà bloccata soprattutto quando gli Stati europei e non solo assumeranno misure omogenee: "Noi siamo parte dell'Europa e i nostri confini sono un colabrodo. O prendiamo tutti delle iniziative coerenti, rigide e determinate o altrimenti la volta che un territorio si libererà dell'infezione verrà invasa nuovamente da chi non ha fatto le stesse cose", conclude Di Perri. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento