Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Controlli anti-assenteismo al liceo: "Primo intervento, ce ne saranno altri in altri enti pubblici"

Entro la fine dell'anno

 

Il comandante provinciale della guardia di finanza, generale Guido Mario Geremia, replica ai sindacati che avevano criticato l'intervento al liceo Gioberti di via Sant'Ottavio dello scorso giovedì 17 ottobre 2019. Si è trattato di controlli anti-assenteismo.

"Non è la prima volta che succede - dice - e non succede soltanto qui, ma anche in tutto il resto d'Italia. Il sindacato è partito in quarta ma in realtà si è trattato di un controllo amministrativo eseguito su richiesta del dipartimento della funzione pubblica della presidenza del Consiglio: non c'è stato alcun intento vessatorio. Il liceo Gioberti, tra l'altro, non è un covo di assenteisti e infatti è risultato tutto in regola. Era semplicemente uno degli istituti selezionati dal dipartimento".

E non c'è stato alcun intento di fare operazioni-spettacolo o anche semplicemente di interferire con la normale vita scolastica di alunni, insegnanti e bidelli. "Dove c'è un sospetto di un comportamento penalmente rilevante - precisa ancora Geremia - non arriviamo in questo modo, ossia con estrema discrezione. Gli alunni non se ne sono accorti. C'è stata una distorsione tra i fatti e il racconto che ne è stato dato.
Nel controllo sono state impiegate cinque persone in borghese arrivati alla scuola su un'auto civile. Nel verbale è tutto dettagliato".

E i controlli non si fermano. "Questo controllo era il primo di due-tre, tutti anti-assenteismo, che faremo entro la fine dell'anno. I target non sono stati scelti da noi ma ci sono stati indicati. Riguarderanno dipendenti pubblici di qualsiasi natura. A chi ci chiedere di andare a stanare gli evasori rispondiamo che purtroppo anche chi è assente e prende lo stipendio è uno che sottrae risorse allo Stato, quindi prendiamo gli evasori ma lavoriamo anche su questi aspetti".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento