Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commissariamento Teatro Regio,Cirio favorevole: "Sono soldi dei cittadini, vanno trattati con trasparenza"

La sindaca sul tema non si pronuncia e rimanda tutto a domani

 

Non è più tempo di ripianare bilanci con deficit milionari utilizzando risorse pubbliche. È questo in estrema sintensi il pensiero di Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte, sulla questione Teatro Regio di Torino. Giusto dunque procedere con la proposta di commissariamento. Una posizione che è in linea con quella della sindaca di Torino, Chiara Appendino, che sul tema non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione rinviando tutto a domani, mercoledì 3 giugno, giorno in cui incontrerà i rappresentanti dei lavoratori. 

"A me quel che interessa del Teatro Regio di Torino è che abbiamo un'eccellenza internazionale alla quale non possiamo rinunciare e che dobbiamo difendere, ma difenderla vuol dire salvaguardarne anche gli aspetta di correttezza contabile", spiega Alberto Cirio, "Parliamo dei soldi dei cittadini e non è possibile ogni anno immaginare di ripianare deficit milionari con i soldi delle fondazioni o con i soldi pubblici. Vuol dire che qualcosa non funziona". 

Il governatore piemontese apre così al commissariamento: "Può capitare essere in passivo un anno, ma quando si consolida un passivo è necessario andare a fondo. E per andare a fondo il commissariamento può essere un passaggio necessario". 

Ieri, lunedì 1 giugno, in piazza sono scesi i lavoratori del teatro che hanno manifestato davanti al Comune di Torino denunciando il rischio licenziamenti che il commissariamento porterebbe con sè: "Il rischio dei licenziamenti nasce dal fatto che ci siano milioni di euro di passivo ogni anno. Per salvaguardare l'eccellenza del Regio e i suoi lavoratori dobbiamo fare in modo che questa realtà diventi stabile sotto il profilo economico", continua Cirio che poi conclude, "Regione e Comune continueranno a investire, ma quei soldi sono dei cittadini, degli stessi che da tre mesi non prendono la cassa integrazione e noi abbiamo il dovere di trattarli con trasparenza e mettere le carte sul tavolo. Questo è stato il motivo per cui si è voluto coinvolgere il ministero". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento