Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Centro deserto e affari in calo anche per chi è aperto: "Senza passaggio la situazione è tragica"

I residenti in centro sono pochi

 

Il centro di Torino è deserto, a presidiarlo solo alcuni passanti, i senzatetto e i pochi commercianti che sono rimasti aperti. Serrande alzate perché il Governo permette loro di continuare a lavorare, ma gli affari, soprattutto per edicolanti e tabaccai, non sempre vanno così bene e poi c'è la preoccupazione del futuro. 

"Stiamo vivendo questo periodo molto male. Specialmente qui in centro lavoriamo pochissimo perché la densità di popolazione è minima, è tutto chiuso. Siamo rimasti aperti noi, il giornalaio, la farmacia e basta. E una situazione tragica", racconta un tabaccaio di Piazza Castello che poi aggiunge, "La preoccupazione, per quanto riguarda il centro, per il dopo epidemia è enorme perché qui lavoriamo molto sul passaggio e sul turismo e non so quando rivedremo un turista". 

"Abbiamo solo i residenti che scendono. Con la GTT praticamente ferma e con il Comune di fronte che ha lasciato giustamente a casa i propri dipendenti non ci sono introiti e quindi non va bene", racconta l'edicolante di Piazza Palazzo di Città che poi pensando al futuro dice, "Ci vorrà del tempo perché torni tutto alla normalità e poi bisogna vedere come andrà. In questi mesi la gente si è abituata a fruire di altri servizi e bisogna vedere cosa farà". Il riferimento è all'editoria digitale. 

"Il nostro non è un lavoro, è un fruire servizi e copro il minimo indispensabile. Lavoricchio un po', si prendono l'enigmistica e qualche giochino per i bimbi, ma il mio lavoro non è questo", racconta un'altra edicolante di via Po. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento