Airbnb, host in agitazione: chi riscuote la tassa di soggiorno?

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Dal primo aprile anche i turisti che soggiorneranno in alloggi prenotati con Airbnb dovranno pagare la tassa di soggiorno. Una novità che ha mandato in confusione il mondo degli host torinesi che secondo il Comune dovrebbero riscuotere il balzello fino a quando il portale non sarà in grado di farlo automaticamente al momento della prenotazione. A Torino l'ammontare della tassa sarà di 2,30 euro a persona.

L'associazione Host Italia, che a Torino ha circa 200 iscritti che gestiscono oltre 500 appartamenti, ha sollevato alcuni dubbi sulla regolarità della richiesta dell'amministrazione comunale. Valerio Nicastro, presidente dell'associazione, ha chiarito che il loro non è un giudizio sul merito dell'imposta, ma sul metodo di riscossione del pagamento: quando ci sono intermediari, come in questo caso Airbnb, non toccherebbe al padrone di casa riscuotere il denaro. 

A Torino la tassa di soggiorno c'è dal 2012 ma si limitava a Alberghi e strutture extraalberghiere. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • E’ cosi! Che volete rilanciare il turismo , ve li dico io torin ritornera’ la citta emarginata Potere costruire grattacieli di 200 piani ma se bon cambia la testa rimarra’ sempre l’ scalino

  • non sanno piu che tasse far pagare... vergogna

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Il grande magazzino scommette su Torino: investiti 52 milioni di euro e 40 nuove assunzioni

  • Video

    Amazon, nuova apertura: 150 posti di lavoro e una giornata per presentare il curriculum

  • Video

    Sgominato il racket dei banchi a Porta Palazzo, arrestate tre persone

  • Video

    "C'è un serpente nel portone", panico tra i residenti: i vigili del fuoco riportano la calma

Torna su
TorinoToday è in caricamento