Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Viene fatto rientrare in servizio dopo la quarantena, ma dopo 24 giorni risulta positivo al tampone

Osapp: "Forte preoccupazione per le carceri"

 

Un agente di polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Torino è risultato positivo al tampone per il coronavirus dopo avere lavorato quasi un mese dopo la quarantena poiché nessuno lo aveva mai sottoposto all'esame nonostante questo fosse stato richiesto. Potrebbe avere quindi contagiato colleghi e detenuti e soltanto grazie al suo buonsenso, poiché ha sempre indossato guanti e mascherina, i danni potrebbero essere stati limitati.

La quarantena senza nessun tampone

"Nel mese di marzo 2020 - racconta l'agente a TorinoToday - ho lavorato a stretto contatto con un mio collega della polizia penitenziaria risultato positivo al coronavirus. Per questo motivo io sono stato messo in quarantena. In questo periodo sono stato contattato dalla Asl di Settimo Torinese per conoscere il mio stato di salute. Sono stato in quarantena dal 14 al 27 marzo 2020. In questo periodo sono stato contattato tre volte dalla Asl e al termine un medico della stessa, che avevo contattato telefonicamente, mi ha risposto che, non avendo avuto sintomi gravi quali febbre, tosse, dolore al petto e problemi respiratori, avrei potuto assumere regolare servizio al carcere adottando una serie di misure precauzionali quali mascherina, guanti e distanza di sicurezza. Il mio datore di lavoro avrebbe potuto valutare se sottopormi al tampone. Così il 28 marzo mi sono recato regolarmente al carcere per lavorare".

Il tampone dopo 15 giorni dal rientro in servizio e la positività

"Dopo alcuni giorni dal mio rientro in servizio - racconta ancora l'agente - ho contattato l'Asl di Settimo Torinese per farmi rilasciare una dichiarazione che attestava che io ero stato in quarantena. Ne ho poi ricevuta un'altra che mi anticipava che mi sarei dovuto recare all'Asl di Ivrea per eseguire il tampone. La data, 11 aprile, è stata comunicata poi via e-mail. Ho svolto regolarmente turni di servizio in carcere fino al 20 aprile 2020 con turno di servizio dalle 15 alle 23. Il 20 aprile mi hanno telefonato dall'Asl di Settimo Torinese dicendomi che ero risultato positivo al test. Preciso di  aver lavorato ininterrottamente dal giorno 28 marzo al giorno 20 aprile 2020 incontrando numerosi miei colleghi agenti di polizia penitenziaria". In sostanza, ha circolato per 24 giorni (con tutte le precauzioni del caso) senza sapere di essere positivo.

L'Osapp: "Fortissima preoccupazione per la situazione delle carceri"

Nel video che pubblichiamo sopra, il segretario generale dell'Osapp, Leo Beneduci (che già era intervenuto nei giorni scorsi sulla questione del carcere delle Vallette), informato anche di questo caso, esprime "fortissima preoccupazione da parte del personale della polizia penitenziaria per i rischi del contagio da coronavirus nelle carceri, in particolare per quanto riguarda la regione Piemonte. Nel carcere di Torino sono ancora 40 i detenuti positivi ristretti nella struttura mentre nove sono stati immessi alla detenzione domiciliare. Tra i poliziotti penitenziari due nuovi contagi, per un totale di 12". Riguardo all'agente risultato positivo dopo essere stato fatto rientrare in servizio aggiunge che "essendo addetto alla misurazione delle temperatura di chi entra in carcere, è entrato in contatto con numerose persone". Beneduci conclude ricordando "la necessità di effettuare tamponi a tutta la popolazione carceraria al fine di scongiurare una situazione di grave rischio per la salute sia interna alle carceri sia pubblica".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento