Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

TAV, Salvini dal cantiere di Chiomonte: "L'Italia è un paese che merita di crescere"

 

Matteo Salvini non le manda di certo a dire e durante la visita al cantiere della TAV a Chiomonte ha risposto indirettamente a Luigi Di Maio che ha detto che il cantiere non è mai partito: "Sono contento che grazie alle vostre telecamere - ha dichiarato Salvini rivolgendosi ai giornalisti - facciamo vedere agli italiani che il cantiere c'è". 

Salvini è il primo esponente del governo giallo-verde a recarsi a Chiomonte nella zona del cantiere del TAV e la sua visita è di grande significato politico all'interno del dibattito sull'infrastruttura.

In merito alla realizzazione dell'opera, ha elencato tutti i vantaggi: "Se vogliamo parlare di ambiente, con il Tav si potranno risparmiare tonnellate di Co2 nell'aria - ha proseguito -: ci saranno un milione di tir in meno sulle strade. Senza contare che i costi per il trasporto merci verranno dimezzati e non per ultimo, un vantaggio evidente a tutti, saremo collegati con il resto dell'Europa". 

TAV, Salvini: "Sospendere i lavori costa più che finirli"

Ma il blocco della Torino-Lione non è contemplato dal vicepremier che, pur accettando di limare il progetto, ribadisce l'importanza dell'infrastruttura: "Nel contratto di governo c'è scritto che il disegno è sovrastimato e va rivisto e questo si può fare - ha affermato -: secondo i tecnici si può risparmiare un altro miliardo di euro. Rivedendo il progetto della mega stazione di Susa per esempio. Ma in ogni caso mi sembra più utile andare avanti che tornare indietro. Inoltre sospendere i lavori e riempire i buchi già aperti costa di più che finirli. L'italia è un paese che merita di crescere".  

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento