Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si versano petrolio addosso davanti al grattacielo di Intesa Sanpaolo: le immagini della protesta

"State uccidendo i nostri ragazzi" dicono gli ambientalisti

 

Hanno versato petrolio addosso a due ragazze stese a terra davanti all'ingresso della sede torinese di Intesa Sanpaolo per simboleggiare i danni che la finanza può procurare all'ambiente finanziando aziende inquinanti. Sono gli attivisti di Extention Rebellion che questa mattina hanno organizzato un flash mob di protesta contro il colosso bancario torinese. 

"Il flash mob simboleggia il fatto che continuando a estrarre petrolio priviamo del futuro le nuove generazioni. I bambini di oggi vivranno in un mondo che sarà irriconoscibile e questo lo dice la scienza. Non attivisti esaltati. Rischiamo di raggiungere un aumento medio delle temperature di quattro gradi e di rendere inabitabili grandi parti delle fascie tropicali del pianeta. Stiamo versando il petrolio addosso ai ragazzi uccidendoli", racconta Annalisa Gratteri di Extention Rebellion. 

Intesa Sanpaolo e Unicredit, dicono gli attivisti, sono responsabili dell'80% dei 90 milioni di tonnellate di emissioni del comparto finanziario, pari a quattro volte quello generato da tutte le centrali a carbone in Italia. Nel loro mirino anche il prestito di 6,3 miliardi a FCA che viene definita una delle aziende automobilistiche più inquinanti al mondo. 

La policy di Intesa Sanpaolo per il settore del carbone

Intesa Sanpaolo rende noto di aver approvato la policy che definisce le limitazioni e i criteri di esclusione per l’operatività creditizia del Gruppo nel settore del carbone. La policy si applica in tutti i Paesi in cui opera il Gruppo a finanziamenti nei settori dell’estrazione di carbone termico e delle centrali termiche a carbone. Con la policy la Banca intende sostenere i clienti nel loro percorso di riduzione dell’uso del carbone per la produzione di energia (phase-out) e incoraggiare la transizione verso alternative a bassa intensità di carbonio, come fonti rinnovabili e gas. Intesa Sanpaolo continuerà a finanziare le aziende che dimostrano una strategia di medio/lungo periodo documentabile di progressiva riduzione dell’utilizzo del carbone o che richiedano un finanziamento direttamente correlabile a obiettivi di transizione dal carbone, ad esempio nella forma di “green loan”, “sustainable loan”, “transition loan”.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento