Oltre ai panini vendeva la droga, arrestato ambulante davanti allo Stadium

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Ufficialmente vendeva panini davanti allo Juventus Stadium, ma in realtà era uno spacciatore di cocaina e hashish. È la scoperta che hanno fatto i carabinieri quando hanno fermato per un semplice controllo un italiano 41enne residente a Torino. 

L'uomo, che nella vita è un venditore ambulante, è stato arrestato per possesso di droga. Infatti, dopo averlo fermato, i carabinieri hanno scoperto che trasportava 250 grammi di cocaina. Solamente la punta dell'icerberg perché in casa sua sono stati trovati altri 650 grammi di cocaina e 500 grammi di marijuana conservati in buste termo sigillate, 25 kg di hashish, suddivisi in 17 blocchi di varia pesatura, e 31mila euro in contanti suddivisi in banconote di diverso taglio, oltre che 400 euro di banconote false. 

Scoperta dunque una base di stoccaggio e smistamento della droga. Le indagini ora dovranno chiarire se l’uomo sia inserito in un’organizzazione criminale e quale sia il suo ruolo all’interno del gruppo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Si chiama supermercato stadium.

  • E sti kazzi ...Forza Juve !

  • ovvio che. in qualche modo devono vivere, un furgoncino costa dai 80k ai 100k di euro, i camion vanno oltre ai 350k. non puoi pensare di pagarli con la birra e i panini.

  • Che ce vuoi fa... Gli serviva per "integrare" ... :P

  • questi "paninari",sarebbero da controllare a tappeto su tutta la citta'!!!

  • si chiama Allianz Stadium

  • un santo!!!

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Shopville Le Gru cambia look e arriva anche la multisala: in atto una "rivoluzione"

  • Video

    Lotteria Italia, a Torino venduto il biglietto da 1 milione di euro: ecco in quale ricevitoria

  • Video

    Petardi per fare esplodere il distributore di snack, l'idiota immortalato in un video

  • Video

    Aggredisce un uomo in centro con un'accetta, parlano i testimoni: le interviste

Torna su
TorinoToday è in caricamento