Sintesi e pagelle Napoli-Torino 2-2: pareggio incredibile, il Toro regala lo scudetto alla Juve

Con il gol di De Silvestri la Juve ha ora un vantaggio praticamente incolmabile. Prima della partita la protesta dei tifosi napoletani contro gli arbitri

Napoli-Torino hanno pareggiato 2-2 nella sfida valida per la 36esima giornata di Serie A TIM 2017-18. In svantaggio due volte a causa dei gol di Mertens e Hamsik, il Toro ha recuperato due volte con Baselli e De Silvestri. 

Grazie a questo pareggio, la Juve è ora a +6 punti sul Napoli: anche se la classifica degli scontri diretti vede in parità le due squadre, ora la Juve ha dalla sua un vantaggio di 16 gol di differenza reti che di fatto le assicura lo scudetto, anche se non matematicamente, con due giornate d'anticipo.

La protesta dei tifosi partenopei contro gli arbitri

Prima della partita, i tifosi del Napoli hanno inscenato una protesta fuori dallo stadio San Paolo contro la classe arbitrale, con un lungo striscione che riproduceva i volti degli arbitri e la scritta "Stagione 2018-2019 a parametro zero sono gli arbitri l'affare vero"; il riferimento sarebbe ai presunti favoritismi arbitrali in occasione delle vittorie della Juve contro Inter e Bologna. Ecco video e foto dalla pagina Facebook de Il Napolista.

Sintesi primo tempo

Mazzarri lascia in panchina Belotti preferendogli Niang, ma fin dai primissimi secondi il copione è chiaro, con il Napoli perfetto in un pressing offensivo che mette in costante difficoltà la retroguardia granata. Per vedere il Toro nella metà campo avversaria bisogna aspettare il 14', con un colpo di testa abbondantemente fuori di De Silvestri su cross di Ansaldi dal lato opposto. Al 21' è invece egoista Niang a sbagliare, cercando un'iniziativa personale invece di servire Ljajic.

Al 25' il primo pasticcio e il primo gol: Burdisso impiega un'eternità per stoppare il passaggio di Bonifazi, favorisce il pressing di Mertens che gli soffia il pallone con un tocco rapace in rete per l'1-0. Al 39' un episodio simile con protagonista N'Koulou porta invece Callejon al tiro, ma questa volta è bravo Sirigu a deviare in corner evitando il gol.

Highlights secondo tempo 

Eppure, dopo un avvio di ripresa sulla stessa falsariga, quando la partita sembra finita con 45' d'anticipo, il Toro reagisce. E trova il gol dell'1-1 al 55', con Baselli pescato benissimo da Ljajic e fortunato a trovare sul suo tiro la deviazione di Chiriches che batte Reina. 

Al 59' il Toro rischia addirittura il gol dell'1-2, ma Niang spara fuori dopo un bel lancio in ripartenza di Acquah. Ma quando già i primi juventini iniziano a pensare ai caroselli arriva la veemente reazione napoletana, con il palo di Milik al 70' con un sinistro fortissimo, e soprattutto con il gol del 2-1 del neoentrato capitano azzurro Hamsik, che al 71' trova la coordinazione perfetta e di destro al volo manda in rete.

Tra occasioni mancate del Napoli e un Toro apparentemente a corto di energie, la gara sembra finita finché all'83' arriva incredibilmente il gol del 2-2: ancora Ljajic che effettua un cross perfetto per la testa di De Silvestri che stacca più in alto di tutti e gela il San Paolo.  

La pressione offensiva della squadra di Sarri è tremenda nel tentativo di riaprire il campionato, c'è anche una timida protesta del San Paolo per un tocco di petto di N'Koulou, ma la partita finisce e lo scudetto va di fatto alla Juve, che dovrebbe dilapidare un vantaggio di 16 gol in due partite. 

Tabellino completo, voti e pagelle di Napoli-Torino 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo un giornata di sciopero: possibili disagi

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Le "soffia" il parcheggio e lui scende dall'auto, la insulta e le stringe il collo

Torna su
TorinoToday è in caricamento