Mattia Perin alla Juve, è ufficiale: l'erede di Buffon in bianconero

Il primo colpo è l'ex portiere del Genoa. E Douglas Costa...

Dopo l'ufficialità del riscatto di Douglas Costa dal Bayern Monaco, arrivato ieri sera, per la Juventus è arrivato il primo vero acquisto del calciomercato 2018: è Mattia Perin, portiere di 25 anni in arrivo dal Genoa. 

Carriera e infortuni di Perin

Nato nel novembre '92 a Latina, Perin è diventato presto un talento del Grifone, con cui ha esordito in Serie A a 18 anni, guadagnandosi già all'epoca il soprannome, più volte utilizzato, di "erede di Buffon". Dopo alcuni prestiti tra A e B al Padova e al Pescara, il portiere laziale si è guadagnato il posto di nuovo al Genoa a partire dal 2013.

Nel suo passato anche tre infortuni seri: uno alla spalla nel 2015 e soprattutto le due rotture dei legamenti a entrambe le ginocchia, prima nell'aprile 2016 e poi nel gennaio 2017.

Visite mediche al J Medical

Perin è arrivato questa mattina al J Medical di torino per effettuare le visite mediche prima di firmare il contratto che lo legherà alla Juve per i prossimi anni. Perin ha accettato di fare da secondo portiere a Szczesny, contando sulle partite in cui il portiere polacco, soprattutto in campionato e Coppa Italia, lascerà il suo posto tra i pali per fare spazio al portiere italiano, che dovrà così anche meritarsi di continuare a fare parte della nuova Nazionale di Mancini, dove il ruolo di "erede di Buffon" è conteso dal titolare Gianluigi Donnarumma. 

Di seguito le foto dell'arrivo di Perin al J Medical. Foto di Stefano Guidi

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Scontro tra camion e moto, morto il centauro

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

Torna su
TorinoToday è in caricamento