Pasqua da campione per Paulo Dybala che fa visita ai bambini del Regina Margherita

L'attaccante della Juve ha fatto selfie, firmato autografi e ha aperto uova di cioccolato con i piccoli pazienti

Dybala e il personale del Regina Margherita (dal profilo Facebook del calciatore)

Per Paulo Dybala il giorno di Pasqua è stato speciale e sicuramente anche per tutti i piccoli pazienti dell'ospedale infantile Regina Margherita di Torino. L'attaccante della Juventus è andato a far visita ai bambini malati e si è intrattenuto a firmare autografi e a fare selfie, con i piccoli, con i loro parenti e con medici e infermieri. 

"Una Pasqua speciale con persone speciali - ha scritto il giocatore juventino sul suo profilo Facebook, postando anche diverse foto - . Oggi ho visitato i bambini dei reparti di degenza oncoematologia, il centro trapianti e l'Isola Margherita dell'Ospedale Pediatrico Regina Margherita di Torino. Una sorpresa per loro, un dono per me. Aprire le uova di cioccolato assieme è stato bellissimo: abbiamo trovato sorrisi!"

Intanto, aumentano le possibilità per il giocatore di giocare il ritorno dei quarti di Champions, mercoledì sera a Barcellona. Dybala infatti, nel giorno di Pasquetta, si è regolarmente allenato a Vinovo con il resto della squadra. Ma se ne saprà di più martedì dopo l'allenamento al 'Camp Nou'. L'attaccante argentino, durante la partita di campionato contro il Pescara, ha riportato una contusione con lieve distorsione in un contrasto. 

 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Fiamme in un palazzo di via Monte di Pietà: due appartamenti distrutti, 18 intossicati

    • Cronaca

      Rancori sul posto di lavoro: per questo Massimiliano ha massacrato il collega Andrea

    • Cronaca

      Non vuole tornare in comunità, 17enne scompare nel nulla

    • Cronaca

      Fuochi di San Giovanni, 7 varchi controllati per l’accesso a piazza Vittorio

    I più letti della settimana

    • Fahran ora è italiano ma la sua partecipazione ai Mondiali è a rischio

      Torna su
      TorinoToday è in caricamento