Caso Bonucci al Milan, la bufala su Mandzukic contro i suoi ex compagni di squadra

Sui social rimbalza una presunta dichiarazione di Mario Mandzukic a un giornalista serbo, ma è una fake news

Mario Mandzukic smentisce in prima persona la falsa notizia che sta girando tra i tifosi juventini e non solo in merito al caso Bonucci. "Non sono il tipo che dice le cose alle spalle" ha detto su Instagram (unico profilo social network ufficiale dell'attaccante) Mario Mandzukic, spiegando come si tratti di una fake news, ovvero di una bufala.

L'origine della fake news su Mandzukic, Bonucci e Alves

Su Facebook e Twitter, ma anche su diversi giornali e siti di tifosi juventini (ma non solo), gira una falsa dichiarazione di Mario Mandzukic riguardo al trasferimento di Leonardo Bonucci al Milan per 42 milioni di euro: una notizia che ha stupito tutti, anche uno come Del Piero, e che ha sostanzialmente diviso la tifoseria bianconera in due fazioni: quelli che se la prendono con Allegri per aver cacciato il difensore con cui era in pessimi rapporti; e coloro che pensano che Bonucci sia andato via perché nello spogliatoio di Cardiff si è inimicato gran parte dei compagni di squadra in una lite con Dybala, Barzagli e Dani Alves.

Ed è proprio seguendo questa teoria che è nata la bufala su Mandzukic che addossa le colpe della sconfitta contro il Real Madrid a Bonucci e Dani Alves.

Il testo della fake news su Mandzukic e Cardiff

Le parole attribuite a Mandzukic vengono riprese sia sui social network sia sui giornali in maniera sempre identica. Ecco il testo che in molti hanno letto:

Intervengo io per stoppare queste voci di un ambiente malsano dentro lo spogliatoio della Juve. Erano semplicemente loro che hanno alzato questo casino, e per fortuna con loro se ne andrà. Sono stati loro due a litigare durante la finale, ed il perchè è semplice, sono due persone caratterialmente opposte. Leo e Dani litigavano spesso e durante la finale abbiamo semplicemente assistito ad una delle loro tante scenate. Appena entrati negli spogliatoi tutti l'avevano presa come se fosse una partita normale, come se in palio ci fossero 3 punti in campionato, o almeno così lasciavano trasparire. Perciò ci si aspettava che Dani (Alves, ndr), come in ogni partita, appena entrati negli spogliatoi sparava dalle sue casse portatili Radio Party Groove mentre ci cambiavamo. Ma questa volta non si limito a questo, esagerò, mettendo Samba Do Janeiro quasi a spaccare i timpani dei presenti e si mise a ballare come se non ci fosse un domani. Io tra me e me pensai "Che coglione!", ma feci finta di nulla e andai verso il mio armadietto, ma Leo no, per lui questa coppa era un ossessione, infatti gli andò faccia a faccia dicendogli che gli avrebbe spezzato le gambe entro 3 secondi se non toglieva questa "musica di merda". Ovviamente uscì fuori un battibecco tra i 2 che sembrava non poter più finire, finchè Dani Alves non disse "Se io perdo stasera, ne ho già 3 in bacheca di queste; tu invece manco una". Lì tutti si girarono scandalizzati, anch'io che l'ho già vinta non avrei mai neanche pensato ad una frase del genere, non bisognava neanche pensare all'eventualità della sconfitta, in pieno stile Juve. Leo lo prese per la gola e a quel punto, quando stava per colpirlo, Max li divise e prese una decisione da vero condottiero: disse che non importava chi aveva cominciato, alla fine della partita sarebbero stati tutti e due cacciati a calci nel culo. Mai fu presa una decisione più saggia, ora in ritiro il gruppo è tornato unito come sempre, senza la fastidiosa spavalderia di Leo e senza il solito brasiliano rompicoglioni (Daniel Alves) che non ci lasciava mai cambiare con un pò di tranquillità". Sarebbero queste le rivelazioni scottanti di Mario Mandzukic raggiunto a Vinovo da Darko Meznovic, giornalista serbo di una nota emittente nazionale, che stanno girando in queste ore sul web.

Chi è Darko Meznovic, il giornalista serbo "di una nota emittente"

Per comprendere che si trattasse di una falsa informazione era sufficiente cercare su Google il nome di Darko Meznovic escludendo i risultati delle ultime ore: in questo caso nessun risultato sul presunto "giornalista serbo di una nota emittente nazionale", né un contatto né un riferimento.

La smentita multilingue di Mandzukic

Mario Mandzukic ha comunque smentito ufficialmente, con un post sul proprio profilo Instagram in cui l'attaccante della Juve, nella foto mentre si tinge il volto di bianconero, scrive in italiano, inglese e serbo:

Mi stanno attribuendo parole che non ho MAI detto riguardo a Dani e Leo. La gente che mi conosce sa che non sono il tipo che parla alle spalle. Se devo dire qualcosa la dico in faccia e di sicuro queste non sono MIE parole.
Tranquilli ragazzi e' un fake

Ecco il post di Mario Mandzukic

Mi stanno attribuendo parole che non ho MAI detto riguardo a Dani e Leo. La gente che mi conosce sa che non sono il tipo che parla alle spalle. Se devo dire qualcosa la dico in faccia e di sicuro queste non sono MIE parole. Tranquilli ragazzi e' un fake😂😂👊🏻 Words have been attributed to me regarding Dani and Leo. I have NEVER said such things. Who knows me knows that I never talk behind anyone's back. If I have to say something I always speak face-to-face and those where NOT my words Don't worry guys, FAKE😂😂👊🏻 Izmišljen je razgovor sa mnom vezan za Danija i Lea. NIKADA nisam izjavio takvo nešto. Tko god me poznaje zna da nikada ne govorim ljudima iza leđa. Ako imam nešto za reći uvijek to kažem u lice, a ovo nisu moje riječi. #forzajuve #finoallafine #mm17🌪

Un post condiviso da Mario Mandžukić MM 17 (@mariomandzukic_official) in data:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Perde il controllo dello scooter e si schianta: morto in ospedale

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Il piccolo Riccardo non ce l'ha fatta: è morto 36 giorni dopo il terribile incidente in casa

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento