Europei di deltaplano, da Torino Franco Laverdino vola in Macedonia

Si confronteranno 80 piloti di 20 nazioni a bordo di deltaplani ad ala flessibile ed ala rigida

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

La squadra nazionale italiana di deltaplano sta per spiccare il volo verso Krushevo in Macedonia, sede dei campionati d'Europa che si terranno dal 16 al 30 luglio.

La cittadina si erge nella parte centrale del paese a 1.250 metri d'altezza, la località più alta di tutta la Macedonia, e dista 160 km dalla capitale Skopje. Qui, con classifiche separate, si confronteranno circa 80 piloti di 20 nazioni a bordo di deltaplani ad ala flessibile ed ala rigida. Come decollo è previsto l'uso di un pendio montano a circa 1.400 metri, atterrando poi nella valle sottostante a circa 600 metri. Tra decollo ed atterraggio questi mezzi, che si reggono in aria sfruttando le masse d'aria ascensionali, potranno gareggiare su percorsi predeterminati per decine di km, ben oltre i 100 nelle giornate migliori. Tutto dipenderà dalla meteo.

Sommando le due categorie gli azzurri si presentano con un palmare complessivo di otto titoli mondiali, gli ultimi quattro consecutivi, compreso quello del marzo 2015 in Messico, e tre europei. Nessuno al mondo ha vinto di più.

La squadra schiera in testa il campione del mondo in carica Christian Ciech, trentino trapiantato nel varesotto, seguito da Alessandro Ploner di San Cassiano (Bolzano), Filippo Oppici di Parma, Davide Guiducci di Villa Minozzo (Reggio Emilia), Tullio Gervasoni di Brescia, Suan Selenati di Sutrio (Udine) e Michele Perlo di Torino. Le sorti nella categoria ala rigida sono affidate alle ali di Franco Laverdino, torinese, e di Luca Comino di Mondovì (Cuneo).

Torna su
TorinoToday è in caricamento