Del Piero in ospedale: "Una cosa così piccola può fare tanto male"

La leggenda bianconera ricoverata negli USA

Alessandro Del Piero è stato ricoverato d'urgenza nell'ospedale dell'Università UCLA a Los Angeles, dove Del Piero vive ed è proprietario del club LA 10 Fc, squadra di calcio semiprofessionistico. L'ex capitano della Juventus è finito in ospedale a causa di una colica renale, come spiega lui stesso su Instagram, con una foto che lo ritrae con la mascherina ma solo per prevenzione rispetto al rischio di contagio da Covid-19.

"Ancora non ci credo come una cosa piccola solo 3 mm possa fare così male" ha scritto Del Piero, ricevendo gli auguri di guarigione da parte dei suoi tifosi e anche di personaggi famosi come Max Biaggi e Patrick Kluivert, oltre che della Juve. Un calcolo renale che ha portato a una colica, quindi, e un relativo sospiro di sollievo per chi, vedendolo con la mascherina in un letto di ospedale, aveva temuto il peggio per uno dei campioni più amati del calcio italiano.

Ecco il post pubblicato da Alessandro Del Piero

Ancora non ci credo come una cosa piccola solo 3mm possa fare così male 🤕 #colicarenale #calcolorenale #adp10

Un post condiviso da Alessandro Del Piero (@alessandrodelpiero) in data:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Clienti in coda davanti alla gelateria, scatta la multa. "Ma non posso fare il vigile"

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Coronavirus, paziente in condizioni disperate salvato con l'ossigeno-ozono terapia

  • La prima movida dopo il lockdown: mascherine abbassate e distanze di sicurezza dimenticate

Torna su
TorinoToday è in caricamento