Allegri verso l'addio? Ecco chi potrebbe diventare l'allenatore della Juve

I nomi in lizza per la panchina bianconera

Ancora nessuna notizia ufficiale, anzi i diretti interessati negano qualunque ipotesi di rottura, ma l'addio di Massimiliano Allegri alla Juventus pare ormai molto probabile se non certo: e allora ecco che tifosi e giornali si scatenano con teorie più o meno solide per prevedere chi potrebbe diventare il nuovo allenatore della Juve. 

Tra gli juventini, in particolare, sono due i nomi in cima alla lista dei desideri, mentre voci di calciomercato associano al futuro della panchina bianconera tecnici di caratura internazionale. Ecco quindi tutte le ipotesi sul nuovo allenatore della Juve in caso di addio di Allegri, che potrebbe finire al Paris Saint Germain o al Barcellona. 

Il ritorno a casa di Antonio Conte

Il sogno di molti tifosi della Juve è il ritorno a "casa" di Antonio Conte. L'allenatore ed ex capitano bianconero ha riportato la Vecchia Signora a vincere, dopo due settimi posti che avevano depresso l'ambiente. Conte ha invertito la rotta, riportando l'orgoglio nel tifo bianconero, con tre scudetti consecutivi che hanno dato l'avvio a un ciclo vincente - solo in Italia - che Allegri ha portato avanti per 5 anni, con cinque scudetti e quattro Coppe Italia, oltre a due finali perse in Champions League contro il Barcellona di Messi e contro il Real Madrid di Cristiano Ronaldo.

Negli ultimi giorni sono stati diversi gli avvistamenti di Conte a Torino: non solo in tribuna per il derby, ma anche in giro per la città, dove si è concesso ai tifosi per fotografie e pronostici sul suo prossimo ritorno. Ma va ricordato anche che Conte lasciò la panchina della Juve a ritiro iniziato, polemizzando con Agnelli e la società per la mancanza di rinforzi adeguati in rosa per competere in Champions - "Non si va a un ristorante da 100 euro con 10 euro" disse - e questo potrebbe pesare sulle decisioni dei vertici societari, da Agnelli a Paratici e all'ex compagno di squadra Pavel Nedved.

Non a caso, col passare dei giorni si fa sempre più insistente la voce che lo vorrebbe per l'anno prossimo sulla panchbina dell'Inter.

Possibilità attuale: 20% 

La scelta "europea" con Pep Guardiola

Un paio di mesi fa negò tutto, assicurando di voler rimanere al Manchester City, ma negli ultimi giorni sono comunque salite le quotazioni di Pep Guardiola. Secondo diversi esperti di calciomercato, Paratici avrebbe già fatto un'offerta all'ex giocatore del Brescia di Mazzone e Baggio, e Guardiola sarebbe disposto a tentare l'avventura in Italia: se succedesse, Guardiola sarebbe l'unico allenatore al mondo ad aver allenato sia Lionel Messi sia Cristiano Ronaldo.

I tifosi della Juve sembrano entusiasti all'idea, e sui social si moltiplicano i fotomontaggi e i riferimenti al suo possibile arrivo a Torino, tuttavia per questioni di ingaggio (Guardiola attualmente ha uno stipendio di 15 milioni all'anno, il doppio di Allegri) e per  l'oggettiva difficoltà che il City lo lasci andare, è ancora difficile capire quanto concreta sia l'ipotesi di Guardiola come nuovo allenatore bianconero.

Possibilità attuale: 35%

Maurizio Sarri sulle orme di Allegri

Un'ipotesi che sembra assurda è quella che vorrebbe l'arrivo alla Juve di Maurizio Sarri. In realtà, però, la Juve ha già dimostrato di saper fare scelte poco convenzionali: quando Allegri fu scelto come successore di Conte, molti juventini protestarono a causa delle polemiche che Allegri aveva sollevato nel 2012, riferite al celebre gol di Muntari non visto da arbitro e guardalinee durante Milan-Juve di quell'anno. Per questo l'ipotesi Sarri non è poi così assurda: è vero che durante i suoi anni al Napoli Sarri ha spesso lanciato frecciate all'ambiente juventino, ma è altrettanto vero che il Napoli ha mostrato uno stile di gioco che molti alla Juve vorrebbero per imporsi anche in Europa. 

Possibilità attuale: 10%

Il piemontese Mauricio Pochettino

L'attuale allenatore del Tottenham, arrivato in finale di Champions eliminando all'ultimo secondo proprio l'Ajax giustiziere della Juve, è tra i nomi che circolano come possibile nuovo tecnico bianconero. Un'ipotesi che al momento pare remota, non solo per la sua nulla esperienza nel calcio italiano, ma anche per il progetto che sta portando avanti con gli Spurs.

Una curiosità che però potrebbe in qualche modo far salire le sue quotazioni sta nelle sue origini: la famiglia di Pochettino è infatti originaria di Virle, Comune che gli conferì la cittadinanza onoraria in occasione di Juve-Tottenham della scorsa stagione. 

Possibilità attuale: 10%

Gasperini, Mihajlovic e gli altri nomi

Altre possibilità per la sostituzione di Allegri appaiono al momento molto fantasiose, ma è bene segnalarle. Qualcuno ha per esempio citato Gasperini, nato a Grugliasco e con un passato come allenatore della primavera juventina. Altri hanno ventilato addirittura un arrivo di Mihajlovic, ma francamente, al di là del suo passato al Toro, non sembra un profilo da Juve. C'è poi chi parla di Giampaolo della Sampdoria o di Simone Inzaghi della Lazio, ma finora sono poche le chance per loro di diventare il nuovo allenatore dei campioni d'Italia

Possibilità attuale: 25%

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Donna travolta da un’auto mentre attraversa la strada: morta sul colpo

  • Cronaca

    Parte un colpo di pistola nella stazione: vigilante resta ferito a una mano

  • Cronaca

    I vandali prendono di mira la scuola media: oltre 10mila euro di danni

  • Incidenti stradali

    Auto sbanda e finisce contro centralina del gas: quattro feriti

I più letti della settimana

  • Scontro frontale tra auto e moto: il centauro è morto

  • Folgorato mentre ripara la macchina del caffè nel ristorante: morto

  • Suicidio negli uffici comunali: dipendente si getta dal terzo piano

  • Prodotti mal conservati, chiusa la macelleria del Mercato Centrale

  • Ragazzo investito da un treno, è morto: ferrovia interrotta

  • Una città intera piange Mattia: aveva solamente sei anni

Torna su
TorinoToday è in caricamento