La lunga attesa è finita: Niente Guardiola, Maurizio Sarri è il nuovo allenatore della Juve

Prende il posto di Max Allegri

L'annuncio della Juventus

Dopo settimane di "totonomi", tra cui quello di Pep Guardiola, l'allenatore della Juventus ha finalmente un nome e un cognome: Maurizio Sarri.

Sì, proprio lui. L'ex allenatore del Napoli, fresco vincitore della Uefa Europa League con il Chelsea. 

Un allenatore che sarà ora oggetto di forti contestazioni da parte dei tifosi, viste le diverse stoccate contro la Juve proferite durante i suoi anni sulla panchina partenopea. 

La speranza della dirigenza juventina è che la contestazione - che pare inevitabile - possa portare altri cinque scudetti consecutivi. Così come avvenuto post contestazione di Max Allegri, "accettato" solo dopo mesi - di vittorie - visto il suo passato milanista.

Una Juve che ora, quindi, verrà plasmata ad immagine e somiglianza del tecnico toscano, che per tre anni rimarrà sulla panchina dei campioni d'Italia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una Juve che avrà un duplice obiettivo: vincere lo scudetto e vincere la Champions. Con Maurizio Sarri. Con Cristiano Ronaldo. E, perché no, con il pupillo di Sarri, Gonzalo Higuain. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consultori: indirizzi e orari a Torino

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • Perde il controllo dello scooter e si schianta: morto in ospedale

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Il piccolo Riccardo non ce l'ha fatta: è morto 36 giorni dopo il terribile incidente in casa

  • "Intesa Sanpaolo è nuda", gli Extinction Rebellion si spogliano davanti al grattacielo

Torna su
TorinoToday è in caricamento