Ronaldo salvato dalla Uefa: il gestaccio post Atletico costa una multa da 20mila euro

Giocherà la sfida con l'Ajax

Cristiano Ronaldo

Sospiro di sollievo in casa Juventus. Il suo gioiello, Cristiano Ronaldo, potrà giocare il quarto di finale d'andata di Champions League con l'Ajax.

La Commissione Disciplinare Uefa, oggi pomeriggio, giovedì 21 marzo 2019, ha deciso di multarlo di 20mila euro per "condotta antisportiva" per  il gesto di Cristiano Ronaldo al termine della gara di ritorno con l'Atletico Madrid, vinta dai bianconeri 3-0 proprio grazie ad una tripletta di "CR7", che ha permesso alla Juve di passare il turno di Champions.

Il Control, Ethics and Disciplinary Body della Uefa già nei giorni precedenti la riunione aveva fatto sapere che Ronaldo sarebbe stato esaminato per una presunta violazione dell'articolo 11 dei Regolamenti Disciplinari Uefa, ovvero la "condotta antisportiva" e non dell'articolo 15, "condotta provocatoria in campo", che avrebbe determinato una squalifica automatica in caso di parere negativo.

L'allenatore dell'Atletico Madrid, dopo il 2-0 di Godin ai bianconeri, si era lasciato andare ad un gesto piuttosto simile, che gli costò una multa di 20mila euro. 

Prima della sentenza, d'altro canto, un tweet pubblicato dall'account ufficiale della UEFA Champions League aveva fatto capire che non ci sarebbero state squalifiche, perché riproduceva l'esultanza di CR7 dopo il gol del 3-0. Ecco il tweet con video:

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Scontro frontale sul rettilineo: auto distrutte, morti entrambi i conducenti

  • L'ex miss Italia e madrina di Torino 2006 investita: necessario intervento al naso

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento