Dalla Sicilia al derby della Mole, il Toro realizza il sogno del piccolo tifoso bianconero

La storia

Immagine di repertorio (Foto di Kritian Lamarmora)

Dalla Sicilia al derby di Torino, per entrare in campo mano nella mano con il suo idolo Cristiano Ronaldo, grazie all'intervento del Toro: è la storia di Francesco, un 14enne di Caccamo in provincia di Palermo, che sabato 15 dicembre potrà realizzare il suo sogno. 

Francesco, malato di tumore, è tifoso della Juve, ma ad aiutarlo a realizzare il suo sogno è il Toro Club Sicilia Granata Antonino Asta, che si è occupata di contattare la società di Urbano Cairo per compiere questa piccola impresa. Già l'anno scorso, in occasione del matrimonio a Palermo di Andrea Belotti, il fan club di tifosi granata siciliani si era adoperato affinché il Gallo andasse a trovare Francesco. Ma per il derby di quest'anno Sicilia Granata è andata ben oltre: superando le barriere del tifo, infatti, i tifosi torinisti dell'isola siciliana si sono impegnati per consentire al piccolo juventino di incontrare dal vivo Cristiano Ronaldo, in occasione del derby tra Toro e Juve di sabato sera (che sarà trasmesso in diretta su DAZN).

Subito disponibile il Toro, che ha accolto la richiesta e ha deciso che prima dell'inizio della partita, quando i bambini accompagnano giocatori ed arbitro nel loro ingresso in campo, Francesco seguirà mano nella mano proprio il campione portoghese. Un gesto di distensione e di grande umanità, ma anche un esempio per i più grandi di come il calcio debba essere soprattutto passione e amore, al di là degli schieramenti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Mancano le autorizzazioni per vendere: chiusa la panetteria del centro commerciale

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Ragazzo di 18 anni si butta dal quarto piano, è gravissimo

  • Motociclista perde la vita dopo lo scontro con una macchina

  • Addio a Giuseppe, il papà con la passione della auto storiche, e alla figlia Nicole

Torna su
TorinoToday è in caricamento