Perché si dice: “Vate a caté an cassul”

Dal dialetto piemontese: modi di dire, perle di saggezza

immagine di repertorio

Si pronuncia “Vate a catè n casul” e significa “vai a comprarti un mestolo”. Fuori dal contesto nessuno ne capirebbe il senso, risulterebbe una frase sconnessa, ma nel contesto …. Non è un cuoco rimasto senza mestolo e non è un complimento, tutt’altro. Si usa per mandare qualcuno a quel paese. Potremmo dire, …mandarlo …. ma con stile e con un certo umorismo. Non è volgare e fa sorridere, ma il senso è proprio quello di mandare a quel paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ci sono modi di dire molto più triviali, in italiano e anche in piemontese, per dire la stessa cosa. Per questo “vate a caté an cassul” potrebbe sembrare una perla da elevare a modello di un civile interloquire anche in una accesa disputa. Quasi un piacere a sentire, rispetto ad altre ben più gravi volgarità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

  • Quarantena e fai da te: come tagliarsi (da sole/i) i capelli a casa

  • Annuncia di volersi suicidare: ripescato il suo corpo nel fiume

  • Il Comune lancia i buoni spesa: una piattaforma web e un call-center per l'accesso

Torna su
TorinoToday è in caricamento