Perché si dice: “Vate a caté an cassul”

Dal dialetto piemontese: modi di dire, perle di saggezza

immagine di repertorio

Si pronuncia “Vate a catè n casul” e significa “vai a comprarti un mestolo”. Fuori dal contesto nessuno ne capirebbe il senso, risulterebbe una frase sconnessa, ma nel contesto …. Non è un cuoco rimasto senza mestolo e non è un complimento, tutt’altro. Si usa per mandare qualcuno a quel paese. Potremmo dire, …mandarlo …. ma con stile e con un certo umorismo. Non è volgare e fa sorridere, ma il senso è proprio quello di mandare a quel paese.

Ci sono modi di dire molto più triviali, in italiano e anche in piemontese, per dire la stessa cosa. Per questo “vate a caté an cassul” potrebbe sembrare una perla da elevare a modello di un civile interloquire anche in una accesa disputa. Quasi un piacere a sentire, rispetto ad altre ben più gravi volgarità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Incendio divampa nell'appartamento al nono piano, famiglia con bimbe piccole messa in salvo

Torna su
TorinoToday è in caricamento