Perché si dice: “Bogia nen”, vizio o virtù

Dal dialetto piemontese: modi di dire, perle di saggezza

immagine di repertorio

Si pronuncia “Bugia nen” e significa “non ti muovere”. “Bogia nen”, forse le parole più famose del nostro dialetto ed anche un appellativo, un modo per soprannominare gli stessi piemontesi. Un detto dalle gloriose origini, eppure, nonostante questo, è una frase dal doppio significato.

Da un lato un detto storico. Una di quelle frasi epiche, tipo: “ Il dado è tratto!”, “Verso l’infinito e oltre”. Beh...il motto piemontese è un po’ meno solenne, meno pretenzioso. Più concreto, potremmo dire.

Era un motto codificato dell’esercito piemontese quando si preparava ad affrontare l’assalto avversario. La tradizione veniva da lontano, dalla battaglia dell’Assietta (1747) contro i francesi. In quello scontro, l’assalto di un nemico 10 volte più numeroso era stato fermato e respinto dai “bogia nen”. “Non ci muoviamo”, “non ripieghiamo”, e alla fine, arrivò la vittoria.

Una frase quindi, che rimanda alla caparbietà e al coraggio.

Dall’altro, giocando sul significato letterale, spicciolo, il richiamo è alla scarsa reattività e alla pigrizia.

Ecco tutta la bellezza di queste due parole, che calate nella vita quotidiana, si prestano e permettono infiniti doppi sensi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento