Perché si dice “Esageroma nen"?

Dal dialetto piemontese: modi di dire, perle di saggezza

immagine di repertorio

“Esageroma nen!”, col punto esclamativo, sì, di solito col punto esclamativo. Si pronuncia “Esageruma nen” e significa “non esageriamo”. Sempre al plurale, anche se chi parla magari lo fa in prima persona, parlando di sé stesso. Al singolare è un’altra cosa, “non esagero”, ha tutto un altro significato, così come, rivolto ad un altro “non esagerare”.

Al plurale invece, è una delle frasi più usate del dialetto piemontese, espressa frequentemente alla fine di un discorso, a chiosa, rimando ad una cultura, un modo di dire, un modo di pensare, o un modo di rappresentare il proprio pensiero agli altri.

I piemontesi son fatti così, non tutti, ma il dialetto un po' li aiuta: “Esageroma nen!”

Un modo di pensare nel senso di non esagerare nel valutare le cose, in particolare le proprie cose, quello che si fa, quello che si dice. Un apprezzamento della modestia, della prudenza, un antidoto all’esaltazione, all’arroganza. La consapevolezza della fugacità delle cose ed il senso del limite.

Un modo di rappresentare il proprio pensiero agli altri con il quale si sottolinea quello che si è e quello che si vuole essere, anche, in questo senso sì, con un pizzico di orgoglio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questa società in cui bisogna sempre correre per arrivare primi, non si sa bene dove, “Esageroma nen” è un gran bel modo di dire e di pensare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Il virus si è portato via Franco il Baffo: la cittadina in lacrime per lo storico vigile, politico e sportivo

  • Coronavirus, nuova stretta della Regione: chiusi uffici pubblici e studi professionali fino al 3 aprile

Torna su
TorinoToday è in caricamento