Covid-19, un fiume di donazioni dal territorio: l'Asl può allestire una nuova terapia intensiva a Ivrea

Nuove apparecchiature per 86mila euro

La gara di solidarietà che si è scatenata sul territorio ha permesso all'Asl To4 di acquistare le apparecchiature necessarie ad allestire una nuova area di terapia intensiva all'ospedale di Ivrea. Grazie alle numerose donazioni da parte di singoli cittadini, associazioni e imprese, al terzo piano del blocco A del nosocomio eporediese, ci sarà un nuovo spazio per accogliere sei monitor per il controllo dei parametri vitali, con relativi accessori, e due cardiografi. Apparecchiature acquistate per la cifra di circa 86mila euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nuova area di terapia intensiva sarà dedicata a patologie non-covid: cardiologiche, ictus cerebrale in fase acuta (stroke unit), fase post degenza in rianimazione. Questa nuova organizzazione è conseguente alla necessità di trasformare l’UTIC (Unità di Terapia Intensiva Coronarica) in area di terapia intensiva/sub-intensiva per pazienti affetti da Covid-19, così da poter aumentare i posti di terapia intensiva Covid di 4 posti e di 7 posti di sub-intensiva Covid.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento