Museo Egizio, la perizia conferma: il video virale è un montaggio

Verrà rimosso da Facebook

Il video di Andrea Crippa relativo alle promozioni del Museo Egizio riservate al pubblico di lingua araba, che ha scatenato la polemica nei giorni scorsi e che è diventato virale su internet, verrà rimosso da Facebook. Almeno, questa è la richiesta fatta dagli stessi vertici dell'ente, dopo aver accertato la falsità del video, grazie a un'indagine affidata a terzi. L'ipotesi di un montaggio si era fatta strada dopo aver notato che, nel video, il centralinista con cui parla Crippa, leader dei Giovani Padani, è un uomo mentre ai call center dell'ente il personale è tutto femminile.

Ad annunciare la richiesta di rimozione da Facebook lo stesso Museo che inoltre fa sapere di aver dato mandato ai legali "per chiedere il risarcimento dei danni subiti, anche di immagine, per effetto della ampia diffusione sul web". La comunicazione è apparsa sull'home page del Museo Egizio:

"A seguito di accertamenti svolti tramite perizia tecnica affidata a terzi - si legge - si è avuta piena conferma della falsità del video postato dal signor Andrea Crippa sulla propria pagina. La telefonata ripresa nel video è frutto di una messa in scena e contiene risposte inesatte e in alcun modo riferibili ad operatrici dell'Ufficio Prenotazioni del Museo Egizio".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Velocità rilevata con autovelox e telelaser: le vie interessate dai possibili controlli

  • Emergenza smog, tornano le limitazioni strutturali dopo la giornata di sciopero

Torna su
TorinoToday è in caricamento