Coronavirus, il sindaco telefona ai concittadini: "Siamo in guerra: state a casa"

Il messaggio ha raggiunto le case dei moncalieresi

"Dobbiamo stare a casa: siamo in guerra". È questo in sostanza il senso del messaggio telefonico che il sindaco di Moncalieri, Paolo Montagna, che ha inviato ai suoi concittadini iscritti al servizio Alert System del Comune, invitandoli a non muoversi dalle loro abituazioni, in questo difficile momento di emergenza sanitaria.

Annunciando anche un aumento dei controlli sul territorio da parte di vigili e carabinieri, il primo cittadino, sottolineando come in questo momento, ognuno di noi abbia un ruolo decisivo in questa battaglia, ha informato i Moncalieri del fatto che in città i casi si moltiplicano ogni giorno e ogni giorno aumentano le quarantene:

"L'ospedale Santa Croce è sempre più pieno di pazienti ricoverati per il Coronavirus - ha aggiunto - : anziani ma anche giovani, persone con patologie pregresse ma anche persone che prima non avevano alcun problema. Il virus non fa distinzioni: siamo tutti a rischio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Montagna ha ricordato come uscire di casa senza un valido motivo, non rispettando il decreto, oltre che un grave pericolo per le nostre vite, è un grave reato penale. "Siamo in guerra - ha concluso nel suo messaggio - e per vincerla, per riprenderci le nostre libertà, dobbiamo restare a casa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • L'eclissi penombrale della Luna Fragola: questa sera il vero spettacolo è nel cielo

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento