"Verità per Bibbiano", esposto lo striscione sulla facciata della Regione Piemonte

Il centrosinistra: "Si sta strumentalizzando il caso"

Lo striscione sul palazzo della Regione

"Verità per Bibbiano". È la scritta sullo striscione comparso ieri, giovedì 25 luglio, sulla facciata della Regione Piemonte in piazza Castello, a Torino. Un'azione per chiedere di fare chiarezza sulla vicenda emersa nell’inchiesta “Angeli e demoni”, su presunti illeciti negli affidi e gestione di bambini, allontanati dalle famiglie e presi in carico dai servizi sociali della Val d’Enza, si sospetta dietro al pagamento di somme di denaro. 

Lo striscione, srotolato dall'assessore leghista alla Sicurezza, Fabrizio Ricca, è stato appeso accanto a quello voluto dalla precedente amministrazione di centrosinistra guidata da  Chiamparino, che da tempo chiede "Verità per Giulio Regeni". 

"E' una richiesta di trasparenza, un invito a indagare a fondo e ad accertare tutte le responsabilità - ha detto Ricca insieme a Chiara Caucino, assessore ai Bambini -. Ma anche un monito per le istituzioni - compresa la nostra - nel perseguire sempre politiche e prassi che favoriscano i bambini e non li mettano in pericolo. Se le accuse fossero provate - hanno aggiunto - sarebbe un caso gravissimo, un vero e proprio buco nero di etica pubblica e umana".

"Da oggi - scrive poi Ricca su Facebook - la facciata della Regione Piemonte ha appeso un nuovo striscione in cui si chiede verità per una storia che fa paura, quella dei bambini di Bibbiano. Facciamo luce". 

Un gesto però che ha provocato la reazione del centrosinistra : "Sul caso dell'esposizione sulla facciata del Palazzo della Giunta Regionale dello striscione "Verità per Bibbiano" - dichiarano i capigruppo di minoranza di PD, Liberi Uguali Verdi, Lista Monviso e Moderati - sarà l'intera coalizione di centrosinistra a chiedere comunicazioni in Aula al Presidente Cirio. La Lega si rassereni, noi vogliamo la verità su tutti i casi sui quali indaga la Magistratura a cui va, ancora una volta, tutto il nostro apprezzamento. Ma non cederemo mai sul rispetto delle regole e sulla difesa delle Istituzioni che non possono in alcun caso essere oggetto di strumentalizzazioni di natura politica." 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

Torna su
TorinoToday è in caricamento