I presidenti delle Circoscrizioni sono stufi: "Non esiste un sistema quartieri"

Massimo Guerrini, presidente della Conferenza dei Presidenti, precisa che "Non esiste un "sistema quartieri" né spese pazze fatte da presunti apprendisti, le Circoscrizioni erogano localmente dei servizi utili ai territori e come tali sono apprezzate"

Non esiste un “sistema quartieri”. Ne sono convinti i presidenti delle Circoscrizioni di Torino, che riuniti nella Conferenza dei Presidenti esprimono “Forti perplessità sui toni che ha assunto la campagna stampa iniziata da giorni da parte di alcuni organi di stampa”.

“La Conferenza ritiene che sia in realtà una  pagina di giornalismo che non  fa della completa informazione e del bene alla nostra Città ed alla sue istituzioni di prossimità quali sono le Circoscrizioni e il Decentramento”, è quanto scrive in una nota Massimo Guerrini, presidente della Circoscrizione Uno e presidente della Conferenza.

Guerrini, quindi, precisa che “Non esiste un “sistema quartieri” né spese pazze fatte da presunti apprendisti, le Circoscrizioni erogano localmente dei servizi utili ai territori  e come tali sono apprezzate”.

Con il supporto del Consiglio Comunale, da tempo i presidenti sostengono la necessità di una riforma del decentramento cittadino: serve, a loro avviso, una ridefinizione delle competenze e degli strumenti delle Circoscrizioni, oltre che delle deleghe. Proprio per questo motivo, e Guerrini lo sottolinea, nei mesi di giugno e luglio 2013 nei dieci consigli di Circoscrizione è stato votato un documento con le linee di indirizzo in materia di riforma del decentramento, sottoponendo quindi una bozza di riforma sulla quale lavorare.

“Da allora i confronti e le reciproche proposte politiche  non sono certo mancati, crediamo tuttavia che questo sia il momento in cui il confronto debba farsi serrato e costruttivo, chiedendo una rappresentanza nei lavori della Commissione”, precisa Guerrini in una nota.

“I Presidenti prendono quindi atto  con sollievo della condivisione di intenti delle forze politiche presenti in Consiglio Comunale e della loro decisione  di accelerare i tempi con la nomina di una commissione comunale speciale, con la presenza dell’Assessore al Decentramento , avente come obiettivo la riforma. I Presidenti chiedono inoltre che una loro rappresentanza sia prevista nei lavori della commissione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Maxi-tamponamento in tangenziale: coinvolti cinque veicoli, traffico paralizzato

  • Scontro tra camion e moto, morto il centauro

Torna su
TorinoToday è in caricamento