Il Governo pensa al blocco del Tav, Chiamparino: "Mi auguro che la Lega insorga"

Salvini: "L'opera deve andare avanti"

Il governatore del Piemonte Sergio Chiamparino (foto Facebook)

"Dal mio punto di vista sulla Tav occorre andare avanti, non tornare indietro". E' scontro al Governo sul futuro della Torino-Lione. Così il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini a proposito dell'ipotesi di blocco del cantiere e dopo le indiscrezioni sulla volontà del premier Giuseppe Conte e del leader del M5S e vicepremier Luigi di Maio di fermare il progetto. "C'è da fare l'analisi costi-benefici - ha detto Salvini -: l'opera serve o no, costa di più bloccarla o proseguirla? Non faccio pagare agli italiani miliardi".  Nei giorni scorsi il ministro dei Trasporti grillino, Danilo Toninelli, ha definito un "enorme spreco di denaro pubblico" l'alta velocità Torino-Lione e aveva avvertito: "Nessuno firmi nulla ai fini dell'avanzamento dell'opera".

La reazione di Chiamparino

Nel frattempo, "in attesa che Toninelli e Conte si chiariscano le idee", Sergio Chiamparino, governatore della Regione Piemonte ha annunciato che convocherà, a settembre, un vertice con tutte le rappresentanze economiche, sociali, istituzionali e politiche "per far risuonare chiare e forti le voci della società piemontese a favore dell’opera". 

"E’ indispensabile un moto d’orgoglio che impedisca che la nostra regione venga messa ai margini di tutte le relazioni economiche, nazionali e internazionali - ha dichiarato Chiamparino -. Mi permetto anche di dire ai colleghi e amici Giovanni Toti e Attilio Fontana che se si dovesse mai davvero bloccare il collegamento Torino-Lyon, anche le altre grandi opere, a cominciare dal Terzo Valico, sarebbero da rivedere, perchè verrebbe meno la forza della piattaforma logistica del Nord-Ovest. Chiedo dunque anche a loro un pronunciamento netto".

Chiamparino ha annunciato inoltre di aver intensificato i rapporti con le autorità francesi per consolidare le relazioni economiche il resto dei paesi europei.

"Mi auguro che - ha concluso il governatore -, sulla scorta di quanto dichiarato da Matteo Salvini, i leghisti - che nel loro programma elettorale avevano il completamento del Tav - insorgano per bloccare questa deriva anti-piemontese e contraria agli interessi del Nord-Ovest e dell’intero Paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Investita da un'auto impazzita alla fermata del bus, è in condizioni gravi

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

Torna su
TorinoToday è in caricamento