Roberto Rosso resta in carcere: negati i domiciliari all'ex assessore regionale

Rosso è accusato di scambio elettorale politico-mafioso

Sono stati negati i domiciliari all'ex assessore regionale Roberto Rosso. L'ex esponente di Fratelli d'Italia, accusato di scambio elettorale politico-mafioso, resta dunque in carcere dov'è recluso dal 20 dicembre scorso. Nell'ambito dell'inchiesta "Fenice" - sulle infiltrazioni della 'ndrangheta in Piemonte - stata infatti respinta la richiesta di scarcerazione presentata dall'avvocato Giorgio Piazzese, dal giudice del tribunale di Torino, Elena Rocci. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo la Procura, Rosso, in occasione delle elezioni regionali 2019, avrebbe versato circa 8 mila euro ad alcune persone vicine alla cosca vibonese dei Bonavota, attiva nel territorio di Carmagnola, in cambio di un pacchetto di voti.  Il 9 luglio prossimo Rosso dovrà presentarsi nell'aula bunker di Torino per il processo. L'ex assessore dovrà difendersi anche dal suo ultimo partito, Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni che, dopo averlo allontanato, insieme alla Regione Piemonte e a Libera, si è costituito parte civile.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

  • Mezzi pubblici: quattro ore di sciopero in arrivo, disagi per gli utenti

Torna su
TorinoToday è in caricamento