Regione, case popolari: 29 milioni per ristrutturare oltre 1300 alloggi

In arrivo nei prossimi mesi, altri 36 milioni

I 29 milioni di euro previsti nel documento di Economia e Finanza approvato in Regione dalla Commissione Urbanistica, presieduta da Nadia Conticelli, permetteranno di ristrutturare 1383 alloggi che si aggiungono alle 577 case popolari Atc già oggetto di manutenzione. Il piano fa parte del programma di ristrutturazione delle case popolari in Piemonte. Secondo quanto concordato con il ministero delle Infrastrutture, al Piemonte dovrebbero arrivare, nei prossimi mesi, altri 36 milioni di euro, a fronte dei 46 richiesti. 

"A sostegno delle famiglie - ha precisato l'assessore alle Politiche sociali Augusto Ferrari - ci sono anche i 7 milioni annui del Fondo sociale, che andranno a copertura del 60% dei casi di morosità incolpevole. Nel cosiddetto Fondo Salvasfratti, che ora è amministrato direttamente dai Comuni, sono ancora disponibili 6 milioni. Spetterà invece alle 19 Aslo (Agenzia sociale per le locazioni) presenti in tutti i capoluoghi della regione, intervenire sul mercato privato per gli affitti a canone concordato, riservando particolare attenzione alle giovani famiglie di 30/40enni".

La presidente Conticelli ha rimarcato la necessità di "coordinare al meglio le varie iniziative per agevolare il diritto alla casa e fronteggiare l'emergenza abitativa, con la presa in carico della persona nella sua interezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Investita da un'auto impazzita alla fermata del bus, è in condizioni gravi

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

Torna su
TorinoToday è in caricamento