Rimborsopoli Piemonte, assolto il leghista Molinari: appello bis per l'ex governatore Cota

Anche per Paolo Tiramani e Augusta Montaruli

Per Riccardo Molinari è arrivata l'assoluzione definitiva dalla Cassazione. Il capogruppo della Lega alla Camera era stato condannato a 11 mesi in appello nel processo 'Rimborsopoli' sui fondi della Regione Piemonte ma per la sesta sezione penale "il fatto non costituisce reato". 

I giudici della suprema Corte hanno invece disposto un appello bis per l'ex governatore leghista del Piemonte Roberto Cota e per i parlamentari Paolo Tiramani della Lega e Augusta Montaruli di FdI. Per gli altri 21 imputati è stato disposto un nuovo giudizio di secondo grado, per prescrizioni e rideterminazione delle pene inflitte dalla Corte di Torino il 24 luglio 2018.

 Nel processo d'appello, chiusosi nel luglio 2018, l'ex governatore Cota era stato condannato a un anno e sette mesi di reclusione; stessa pena era stata inflitta a Montaruli mentre Tiramani era stato condannato a un anno e cinque mesi. Il processo faceva riferimento all'utilizzo non ortodosso dei fondi destinati al funzionamento dei gruppi consiliari nella legislatura 2010-2014 guidata da Lega e centrodestra.

Sono già in carcere Michele Giovine (ex leader dei Pensionati per Cota) e Massimiliano Motta (ai tempi esponente del Pdl) i due ex consiglieri regionali del Piemonte condannati in Cassazione. Giovine deve scontare quattro anni e sei mesi, mentre per Motta la condanna è a due anni e due mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • Dramma nella notte: uomo travolto e ucciso da un'auto pirata

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Neopatentato si schianta allo svincolo: distrutta l'auto potente del papà, lui aveva bevuto

  • Cibo mal conservato e lavoratori "in nero": ristorante chiuso e multato per 39mila euro

Torna su
TorinoToday è in caricamento