Regione Piemonte, martedì si torna a discutere dei tagli agli stipendi

L'obiettivo è quello di uniformare le indennità di consiglieri e assessori a quella del sindaco di Torino. Alla vigilia della discussione però il malcontento non si placa e i tempi rischiano di allungarsi ancora

Palazzo Lascaris

Domani a Palazzo Lascaris si parlerà ancora dei tagli agli stipendi di consiglieri e assessori. Il Pd tenterà nuovamente in Commissione Bilancio, di trasformare in realtà l'impegno assunto l'anno scorso. Ma visti i malcontenti e i mancati accordi alla vigilia della discussione, c'è seriamente il rischio che i tempi si allunghino ancora

L'obiettivo dei quattro testi presentati dal Partito Democratico - primo firmatario con Davide Gariglio -, Forza Italia, Movimento Cinque Stelle e Scelta Civica che fa riferimento a Alfredo Monaco, è quello di ridurre le indennità di consiglieri e assessori uniformandole alla stessa del primo cittadino di Torino, anticipando così ciò che è previsto dalla riforma costituzionale discussa in Parlamento.

Il tutto con le dovute eccezioni: solo i presidenti di Giunta e del Consiglio percepiranno 7300 euro lordi rispetto ai 7018 di Piero Fassino. Un taglio che non a tutti va particolarmente a genio e che domani si proverà a ridiscutere, tentando l'ennesima mediazione. .     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Tragedia nell'area servizio: automobilista si sente male e accosta, ma i soccorritori non riescono a salvarlo

  • Carne e pesce in cattivo stato di conservazione: denunciato titolare di un negozio

  • Coronavirus, sei i casi di positività in Piemonte: uno accertato e cinque probabili

Torna su
TorinoToday è in caricamento