Santuario di Belmonte, i frati se ne vanno e la Regione tratta per l'acquisto

Tutti i sindaci della zona si sono mobilitati

Il santuario di Belmonte

Belmonte resterà senza frati francescani. Dal santuario del Canavese, nel comune di Valperga, il prossimo 20 settembre, si sposteranno a Pinerolo. Si teme dunque per il futuro di uno dei simboli storici della zona, Patrimonio dell'Unesco, ma i sindaci delle località circostanti si sono subito mobilitati e hanno richiesto l'intervento della Regione Piemonte che ha già avviato una trattativa con la proprietà, per l'acquisto del bene.

La contrattazione però non sarà semplice: il progetto di rilancio dovrà infatti includere l'intero Sacro Monte e per fare in modo che il santuario diventi pubblico, servirà qualche milione di euro. Lunedì 3 settembre nella sede di piazza Castello intanto, per fare il punto della situazione, si è svolta una riunione in Regione, fra i sindaci del Canavese e gli assessori Antonella Parigi e Aldo Reschigna. Sull'abbandono dei frati del santuario ormai c'è poco da fare, tuttavia la diocesi di Torino manderà a Belmonte altri religiosi, garantendo così una presenza nell'edificio.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento