Con l'addio di Matteo Renzi, traballa il patto tra Torino e il Governo

In settimana si attendevano i primi 300 milioni di euro destinati alle opere pubbliche, danneggiate dalla recente alluvione

Renzi e Appendino alla sede della Protezione Civile di Torino

Con la vittoria del no e le dimissioni di Renzi, il patto del Governo con Torino, definito durante la campagna referendaria, è a rischio. Detto in soldoni, traballano i sei miliardi - cinque dei quali solo per le infrastrutture -, i fondi destinati al Parco della Salute, quelli più urgenti per riparare i danni causati dall'alluvione, quelli per la cultura e anche l'arrivo dell'esercito per la supervisione all'ex Moi.

Con l'addio del presidente del Consiglio, Torino si deve rassegnare a mettere da parte - almeno per il momento - tutti i benefici che Roma, proprio nella persona di Matteo Renzi, aveva promesso. Nella settimana a venire si attendeva il primo sblocco di 300 milioni destinati alle opere pubbliche danneggiate dalla furia dell'acqua e a breve i 250 milioni per la realizzazione del Parco della Salute e i 140 solo per la ricerca.

Erano previsti anche 150 milioni per dare ossigeno alla cultura: in particolare per la riqualificazione della Cavallerizza Reale, Stupinigi, il Museo di Scienze Naturali e la Mandria. Almeno per ora, nulla di fatto.
 

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • "Quando la bicicletta non sta sul balcone"

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

Torna su
TorinoToday è in caricamento