Elezioni regionali, a giorni il nome del candidato di centrodestra

A Berlusconi e Salvini il compito di sciogliere le riserve

A giorni, forse a ore, verrà definitivamente deciso il nome del candidato alle prossime elezioni regionali per il centrodestra. Alberto Cirio (FI) resta il più "papabile" ma manca ancora il benestare della Lega che tentenna. Matteo Salvini infatti, ormai è noto, punta sull'imprenditore Paolo Damilano sebbene ora, dopo il successo al voto in Basilicata - che con la storica vittoria del centrodestra diventa l'undicesima regione di questo schieramento contro le nove governate dal centrosinistra - , Silvio Berlusconi sostenga con ancora più convinzione il nome di Cirio.

Ma nulla è ancora sicuro. Il segretario regionale del Carrocci, Riccardo Molinari, conferma che "a breve verrà deciso il candidato e saranno Salvini e Berlusconi a fare una sintesi e a stabilirlo". Oggi lunedì 25 marzo, peraltro, sarà a Torino anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, impegnata in un incontro con gli imprenditori - con cui si affronterà anche l'argomento Tav - e davanti all'ospedale infantile Regina Margherita per un flash mob, per chiedere che non venga chiuso e inglobato nella Città della Salute.

Potrebbe interessarti

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

  • Il Farò di San Giovanni, speriamo che la pira caschi dalla parte giusta!

  • Il gelato secondo i torinesi: dibattito aperto alla ricerca della gelateria preferita

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Moto si scontra con un motocarro: il centauro muore in breve tempo

  • Il destino è stato più veloce di Luigi, che era appena diventato papà di una bambina

  • Tragedia nel cortile: bimba piccola investita dall'auto della mamma, morta

  • Morto in casa da giorni, i suoi cani sbranano il corpo

  • Alimenti putrefatti, blatte, scarafaggi ed escrementi: chiuso il panificio-pasticceria

  • Meteo: addio ai temporali, arriva il super caldo

Torna su
TorinoToday è in caricamento