Giorgia Meloni al mercato di corso Cincinnato tra selfie e qualche protesta

La presidente di Fratelli d'Italia ha presentato la candidatura di Augusta Montaruli

Giorgia Meloni fra i banchi del mercato torinese

Il tour nazionale di Giorgia Meloni per i mercati rionali d'Italia ha fatto tappa questa mattina a Torino, in corso Cincinnato. Tra strette di mano, selfie ma anche qualche contestazione (Video), la bionda presidente di Fratelli d'Italia ha distribuito volantini alla gente accalcata fra i banchi e ha lanciato la candidatura di Augusta Montaruli.

"Tra Cinque Stelle e Pd nessuna differenza"

"La sinistra si preoccupa dei mercati finanziari - ha dichiarato Meloni senza risparmiare critiche agli avversari politici -, noi, come vedete, ci interessiamo a quelli di quartiere. Pd e Cinque Stelle al governo della città si sono dimenticati delle periferie: sono due facce della stessa medaglia. L'amministrazione grillina qui - affonda la presidente di FdI - ha fatto poco o niente...Appendino non è così diversa dalla collega Raggi a Roma". 

La protesta degli ambulanti

Tuttavia, tra i banchi del mercato, qualcuno non ha risparmiato critiche nemmeno a lei: "Siete tutti uguali - ha urlato un ambulante, sostenuto da altri colleghi attorno -: voi dovete stare in mezzo alla gente, aiutarla, invece una volta saliti al potere pensate solo a caricarci di tasse. Siamo stufi". Una reazione che però non ha messo in imbarazzo più di tanto la Meloni: " Queste non sono proteste nei miei confronti in particolare. Le persone sono stanche e deluse dall'attuale situazione politica, il malcontento è comprensibile, per questo non smetterò di andare in mezzo alla gente". 

"Nessuna manifestazione deve essere vietata"

Giorgia Meloni si è poi recata alla lapide commemorativa dell'esodo giuliano-dalmata, all'angolo con via Pirano. E a proposito della polemica nata sulla richiesta dell'Anpi e del Pd di impedire la manifestazione di Forza Nuova sabato 10 febbraio nel giorno del ricordo delle vittime delle foibe, ha commentato: "Io non sono per vietare le manifestazioni. Se qualcuno è responsabile di azioni pericolose deve essere fermato ma in un paese civile tutto devono poter esprimere la propria opinione. Eppure - ha aggiunto - i centri sociali nei giorni scorsi sono riusciti a impedire a Fratelli d'Italia di manifestare per celebrare i martiri delle foibe. Di questo però non ha parlato nessuno". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento