Comune: dal 2018 una domenica ecologica al mese

Si ricomincia il 17 settembre

Dal 2018 a Torino, ci sarà una domenica ecologica al mese. Tranne nei mesi di agosto e dicembre, l'iniziativa prevista dal Comune sarà cadenzata ogni prima domenica e in queste date si concentreranno eventi e iniziative culturali.

Al fine di promuovere la mobilità dolce e diffondere l'uso parsimonioso della propria auto, l'amministrazione ha deciso di chiudere la città al traffico con regolarità: scelta che potrebbe causare qualche disagio ai cittadini e di conseguenza non poche polemiche. 

Si riparte il 17 settembre 

Ma nel 2017, da qui alla fine dell'anno, le domeniche ecologiche saranno ancora tre. La prima il 17 settembre, in occasione della Settimana europea della mobilità sostenibile, a cui ne seguiranno altre due, l’8 ottobre e il 5 novembre, arricchite da un nutrito programma di eventi culturali e a tema ambientale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come nelle precedenti occasioni, il blocco si terrà su tutto il territorio cittadino, tranne alcune vie di accesso alla città, dalle ore 10 alle ore 18. Sono esclusi i mezzi ad alimentazione elettrica e a idrogeno, oltre ai mezzi di particolari categorie di persone il cui elenco sarà definito da un’ordinanza presto pubblicata dall’area Ambiente della Città di Torino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Scontro tra moto e auto all'incrocio: militare dell'esercito morto sul colpo

  • Allarme all'ora di pranzo: auto dei carabinieri finisce contro un negozio

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

  • Coronavirus: il Piemonte in controtendenza con l'Italia, i contagi scendono ma di poco

Torna su
TorinoToday è in caricamento