Sindacati Tim: “Preoccupati per il futuro, nonostante l’arrivo della rete 5G”

Sono 4mila i dipendenti in Piemonte di cui il 90% a Torino

Snater, Cgil, Cisl e Uil, in rappresentanza dei lavoratori Tim, sono stati ascoltati giovedì mattina dalla Commissione lavoro presieduta da Andrea Russi, e dall’assessore al lavoro e al commercio, Alberto Sacco. L’azienda diretta da Flavio Cattaneo, che in Piemonte conta 4.000 dipendenti (quasi il 90% a Torino) ha rescisso unilateralmente il contratto di secondo livello, facendo decadere le condizioni economiche e di trattamento di maggior favore rispetto alla cornice contrattuale nazionale.

“Mentre Tim, evita di interloquire con i lavoratori - spiegano i sindacalisti-, procede a demansionamenti di due livelli (il Jobs act consente un solo livello di demansionamento) con corrispondente riduzione di stipendio, assieme a riduzione delle ferie, blocco degli scatti di anzianità, collegamento della parte variabile del salario alla produttività, flessibilità oraria a gestione unilaterale, geolocalizzazione dei veicoli di servizio per tracciare gli spostamenti del personale, estensione dei reparti con bollatura in postazione”.

Secondo i sindacalisti l’obiettivo di Cattaneo è chiudere il suo mandato, nel 2018, con risparmi di spesa per 1,6 miliardi di euro ed una buonuscita personale di 55 milioni di euro. Le preoccupazioni espresse non riguardano solo il peggioramento delle condizioni lavorative, ma il futuro dell’azienda che da anni conta 30.000 dei suoi 45.000 dipendenti in contratto di solidarietà e che dalla privatizzazione ad oggi ha perso 70.000 dipendenti.

Russi ha espresso forte preoccupazione per la soppressione della contrattazione di secondo livello, che potrebbe rappresentare un modello molto negativo per le aziende italiane. Sacco ha ricordato che è stato firmato recentemente un protocollo di intesa con Tim che dal 2018 farà di Torino la città pilota in Italia per la sperimentazione della rete 5G. tale circostanza dovrebbe facilitare, ha detto Sacco, un interlocuzione sui temi posti in audizione, tra la Città e Tim, con il coinvolgimento della Regione Piemonte.

“Dopo l'audizione dei rappresentanti dei dipendenti, il prossimo passo sia la convocazione in Comune dei vertici dell'azienda, a inizio 2017, per fare luce sulle loro intenzioni e sulla loro visione del futuro di TIM” dichiara Silvio Magliano – Capogruppo Moderati, Consiglio Comunale Torino.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Il rapinatore senza un dente era l'incubo degli alberghi: smascherato dopo sette colpi

    • Incidenti stradali

      Ragazza travolta da carro di carnevale, è gravissima in ospedale

    • Cronaca

      Mettono a segno due spaccate e il furto di un'auto, poi speronano l'auto dei carabinieri

    • Cronaca

      Scatta l'allarme anticendio all'ospedale, uffici al nono piano invasi dal fumo

    I più letti della settimana

    • Varato il bilancio 2017: ridotti i fondi per la cultura, aumentati quelli per strade e periferie

    • Bruno Vespa: "Chiara Appendino? Candidata premier ideale per il M5S"

    • La Regione esce dal piano di rientro del debito sanitario: "Ora le assunzioni"

    • Appendino chiede 61 milioni al governo. Fassino: "Soldi in più grazie alla giunta precedente"

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento