No Tav in attesa del corteo di piazza Castello: "Nemmeno la Francia vuole l'alta velocità"

Incerta la presenza di Beppe Grillo

La presentazione della manifestazione dell'8 dicembre

"Nemmeno la Francia vuole la linea ad velocità Torino-Lione". Così i No Tav a 48 ore dal corte di sabato 8 dicembre in programma a Torino, per dire no all'opera. "La Francia sta costruendo il bilancio 2019, dove non si parla di Tav - ha dichiarato Paolo Prieri del presidio Europa No Tav - : non ha dunque interesse alla sua realizzazione, al contrario vorrebbe chiudere la partita ma vorrebbe anche che fosse l'Italia a decidere". Alla manifestazione torinese - che prenderà il via alle 14 da piazza Statuto con un corteo che passando per Porta Susa e via Cernaia, arriverà in piazza Castello - sarà presente anche una rappresentanza francese: alcuni sindaci e amministratori di diversi comuni, vicino a Modane, tra cui Villarodin-Bourget, che si oppongono alla Torino-Lione.  

Non si sa ancora quanti saranno in piazza, l'8 dicembre: stanno arrivando molte adesioni ma ai No Tav, i numeri non interessano: "Noi abbiamo raccolto la sfida - ha spiegato Lele Rizzo, noto leader del movimento - e abbiamo deciso di venire in città e raccontare alla gente cos'è il Tav, a mettere le carte in tavola visto che finalmente si è aperto un dibattito e a spiegare le nostre ragioni". In piazza ci saranno associazioni, sindaci ma anche famiglie e tante donne. 

E non si sa se sarà presente o meno Beppe Grillo che alla manifestazione è stato chiaramente invitato: "Non ho avuto ancora risposta in merito", ha detto Alberto Perino, leader storico del movimento No Tav che sottolinea: "Voglio smentire finalmente l'affermazione che dice che il Tav crea occupazione: è una balla. Il Tav porta poco lavoro rispetto al capitale investito, inoltre si tratta di lavoro precario. Tengo a ricordare - aggiunge - che le società che hanno lavorato per la realizzazione del tunnel della Manica sono fallite due volte e sono state salvate con i soldi pubblici, inglesi e francesi". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In piazza sabato ci sarà sicuramente anche Francesca Frediani, consigliera regionale M5S e militante No Tav: "Ho sentito parlare del Tav agli studenti con una narrazione totalmente fasulla - ha dichiarato - : si dice ai giovani di aprirsi al mondo, li si incita a non isolarsi e ora sembra che questo sia possibile solo con l'alta velocità. Niente di più falso: il nostro paese è perfettamente collegato al resto del mondo. Il Tav è e resta un buco in una montagna. Serve a qualcosa? La nostra risposta è no". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento