La sindaca Appendino incontra Leonardo, il gay aggredito nel cortile di casa

Il Sottosegretario Spadafora: "Il gesto non resterà impunito"

Il volto tumefatto di Leonardo dopo l'aggressione (foto gaynews.it)

Oggi la sindaca di Torino, Chiara Appendino e l'assessore alle Pari Opportunità, Marco Giusta incontreranno Leonardo Ranieri, l'uomo pestato a sangue e apostrofato con insulti omofobi nel cortile della palazzina Atc in zona Lingotto, dove convive con il compagno. L'episodio ha suscitato sdegno e clamore e in molti si sono mossi dimostrando la loro solidarietà nei confronti del 53enne che nell'aggressione - per essersi rifiutato di dare una sigaretta - ha riportato ecchimosi, lesioni multiple e frattura del setto nasale. "La condanna della vergognosa aggressione a Leonardo - ha scritto la sindaca su Facebook - sarà ancora più forte ribadendo, con parole e fatti, che Torino è e continuerà a battersi contro ogni forma di omofobia".

La condanna di Spadafora

La drammatica vicenda è stata commentata sui social anche dal sottosegretario Vincenzo Spadafora, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alle Pari Opportunità: "Intendo convocare un incontro con le forze di Polizia e con l'Oscad - scrive - per seguire in modo diretto l'accertamento delle responsabilità e l'adozione dei conseguenti provvedimenti. Nessun comportamento resterà impunito".

Spadafora ha anche espresso il suo apprezzamento alla prima cittadina che insieme a Giusta oggi, lunedì 7 gennaio, incontrerà Leonardo ed ha sottolineato la necessità "di arrivare ad una chiara individuazione delle responsabilità per intervenire e contrastare tali comportamenti e successivamente promuovere un'azione mirata di sensibilizzazione. In questo senso da parte del Dipartimento vi è massima attenzione sui fatti che hanno portato alla drammatica vicenda di Leonardo, al quale esprimo tutta la mia vicinanza e condivisione".

Trasferimento necessario

Intanto Leonardo Ranieri e il compagno si trasferiranno provvisoriamente già a partire da oggi al To-Housing, il co-housing sociale per persone Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali) in difficoltà e in condizioni di estrema vulnerabilità, recentemente inaugurato a Torino. Leonardo rimarrà nella struttura il tempo utile perché Atc possa provvedere – grazie al diretto interessamento del suo presidente Marcello Mazzù e del Coordinamento Torino Pride – al suo trasferimento in un altro suo stabile.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Anche a richy gli hanno rotto il kulo e ne vá fiero... però, mica hanno alzato tutto sto polverone...

  • Inizi l'altro mondo...

  • Bella buffonata... e andare ad incontrare tutti gli italiani vittime di violenza e delinquenza da parte degli stranieri no?

  • vergognoso che la vittima deve essere trasferita, in questo modo si valorizza il gesto di inciviltà. chi ha usato violenza deve essere allontanato dalle abitazioni atcp e sostituire con le famiglie in graduatoria.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Si dà fuoco accidentalmente mentre lavora in giardino: uomo in condizioni disperate

  • Attualità

    Revocato lo sciopero del personale della metropolitana: venerdì servizio regolare

  • Cronaca

    Dottoressa pedinata e minacciata con il coltello, reagisce al rapinatore e lo fa arrestare

  • Cronaca

    Ad un mese e mezzo dallo sgombero, gli anarchici occupano l'ex scuola abbandonata

I più letti della settimana

  • Pedone investito da un’auto mentre attraversa sulle strisce: morto. Conducente arrestato

  • Tir sbanda ed esce dalla tangenziale rimanendo su un fianco: carico di carne si rovescia nel fosso

  • Uomo ucciso con un colpo di pistola alla testa: c'è un fermato

  • Tamponamento nel sottopasso. Caos e disagi: una bambina finisce in ospedale

  • Ucciso con un colpo di pistola alla testa: arrestato titolare del Caf

  • Giovane aggredita nella notte, 30enne arrestato per violenza sessuale

Torna su
TorinoToday è in caricamento