Tweet-choc su Bibbiano dal blogger torinese contro Meloni, che si indigna: "Dove siamo arrivati"

Diviso il mondo del web

La risposta di Giorgia Meloni a Franco Cappelletti

"Da adulta, la figlia della Meloni rimpiangerà di non essere stata a Bibbiano". È il testo di un post su Twitter di Franco Cappelletti, 53enne di Chiaverano, agronomo, critico cinematografico, scrittore e blogger "antifascista", come si autodefinisce, che, lo scorso lunedì 29 luglio 2019, ha provocato la sdegnata reazione della leader di Fratelli d'Italia.

Giorgia Meloni ha replicato con un tweet sdegnato: "Ecco dove siamo arrivati, che schifo". E nei giorni successivi si sono susseguiti, sul social network, i post di chi ha appoggiato il blogger e di chi invece ha sostenuto la politica. Lei stessa, in un altro post, ha chiesto che Cappelletti, candidato nel 2018 alle elezioni comunali di Ivrea con una lista civica di sinistra, rimuovesse dal profilo la bandiera italiana.

I giornali di destra, in particolare, hanno stigmatizzato il post del blogger. Altri hanno risposto che si tratta di una semplice battuta per attaccare la politica dopo i tweet, definiti razzisti, sull'assassinio del carabiniere a Roma.

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Tragedia nella caserma degli alpini: militare trovato impiccato alla tromba delle scale

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento