Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

Nei punti vendita, accesso prioritario per personale sanitario e volontari

Buone notizie per i bambini e le loro mamme, ma anche per chi in questo periodo sta lavorando da casa e necessita di articoli di cancelleria. Da domani, lunedì 30 marzo, in Piemonte sarà attiva una nuova ordinanza: nei supermercati si potranno finalmente acquistare quaderni, matite, pennarelli e tutto il materiale di cartoleria che fino ad ora non era stato inserito fra i beni di prima necessità.

Il documento è stato firmato oggi, domenica 29 marzo, dal presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio. E' stato definito in collaborazione con l’assessore al Commercio Vittoria Poggio e gli assessori all’Istruzione Elena Chiorino e ai Bambini Chiara Caucino.

Molti in questi giorni gli appelli a questo proposito delle famiglie sui social: le giornate a casa sono lunghe soprattutto per i bambini che magari, con colori e fogli da disegno, sarebbero impegnati e troverebbero svago per qualche ora. A darne notizia il presidente del Piemonte, Alberto Cirio:

"In questi giorni ho ricevuto tante segnalazioni dalle famiglie che lamentavano difficoltà nell'approvigionamentl di materiale di cancelleria per i loro figli, utile non solo per la didattica a distanza ma anche evidentemente per momenti di svago durante le giornate in casa. Ebbene domani (oggi, domenica 29 marzo, ndr) firmeremo l'ordinanza e questo divieto non ci sarà più".

Parallelamente le cartolibrerie e gli altri esercizi commerciali, che da Decreto devono mantenere i locali chiusi al pubblico, potranno proseguire la vendita di questi prodotti di cancelleria per corrispondenza con consegna a domicilio, come già avvenuto fino ad oggi. 
Realtà per le quali il commercio a distanza è, al momento, l’unica opzione possibile. Per questo la Regione Piemonte, in accordo che le associazioni di categoria, si impegnerà a promuovere e a dare visibilità sul proprio sito istituzionale alle cartolibrerie che eseguono il servizio di vendita per corrispondenza con consegna a domicilio.

Inoltre l'ordinanza prevede, sempre da lunedì, che nei punti vendita, personale sanitario e volontari abbiano diritto all'accesso prioritario. Basterà mostrare un tesserino di riconoscimento:" In questi giorni in cui per accedere ai supermercati bisogna affrontare non poche code - ha detto Cirio - vogliamo garantire loro l'accesso prioritario in maniera che possano procurarsi ciò di cui hanno bisogno in fretta, visto che più di altri hanno necessità di tornare velocemente al loro lavoro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un atto che ci sembrava doveroso - concludono il presidente Cirio e l’assessore Poggio - nei confronti di coloro che da settimane dedicano ogni istante del proprio tempo a tutelare e proteggere le nostre vite".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

Torna su
TorinoToday è in caricamento